Il giorno dopo l'”intocht” con violenze Amnesty International chiede al primo ministro Rutte di condannare la aggressioni di ieri a danno dei manifestanti. Secondo NOS, il sindaco di Eindhoven John Jorritsma ha detto che è stato superato il limite, parlando di “comportamenti intimidatori di un gruppo di teppisti” contro gli anti Zwarte Piet.

Secondo Amnesty International, il primo ministro deve seguire l’esempio di Jorritsma. “Rutte deve condannare le violenze”, dice il portavoce Emile Affolter.

I manifestanti sono stati raggiunti da lanci di uova e lattine di birra durante l'”intocht”di Sinterklaas ad Eindhoven. Anche a Rotterdam, i manifestanti di Kick Out Zwarte Piet sono stati raggiunti, sul ponte Erasmus, da manifestanti pro-Piet che li hanno bersagliati con uova, fuochi d’artificio e fumogeni.

“Nei Paesi Bassi  manifestare è un diritto ma se non puoi esercitare quel diritto in più di un posto perché gruppi organizzati minacciano di usare la violenza, c’è qualcosa che evidentemente non va”, ha detto il portavoce di Amnesty.