NL

NL

Zuid Holland, a Den Hoorn non vogliono 225 migranti. Rivolta per l’apertura di un nuovo cenrtro

Un gruppo di abitanti di Den Hoorn e dintorni, paese nello Zuid Holland sono in protesta contro la possibile apertura di un centro di accoglienza per richiedenti asilo, che potrebbe ospitare circa 225 rifugiati. I residenti hanno appeso striscioni presso la presunta sede del centro di accoglienza in Harnaschdreef a Den Hoorn e hanno inviato una lettera aperta ai partiti politici e lanciato una petizione che è stata firmata oltre 2000 volte.

Il comune di Midden-Delfland, a cui appartiene Den Hoorn, ufficializzerà la prossima settimana quale luogo ha in mente per l’accoglienza: tutto sembra indicare che si tratti di Harnaschdreef, vicino all’autostrada A4, dice Omroepwest.

I residenti di Midden-Delfland, che comprende i villaggi di Den Hoorn, Maasland e Schipluiden, hanno costituito un gruppo di attivisti un mese fa: Collettivo dei residenti contro il grande centro di accoglienza di Den Hoorn, Bewonerscollectief tegen grootschalig azc in Den Hoorn.

“Non siamo contrari all’accoglienza dei richiedenti asilo, ma vogliamo che avvenga in modo responsabile, sia per i residenti che per i richiedenti asilo”, si legge sul sito web del gruppo. “Secondo il collettivo dei residenti, questo non è possibile in modo responsabile presso la sede di Harnaschdreef a Den Hoorn”. Nel villaggio vivono circa 8500 persone.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli