L’autodromo di Zandvoort sta valutando la possibilità cancellare altri eventi come concessione alle organizzazioni ambientaliste per assicurarsi che il Gran Premio olandese del prossimo anno vada avanti, secondo un rapporto del Volkskrant.

Una fonte citata sul giornale ha detto che la gestione del circuito era pronta a sacrificare altre tre gare per garantire che le corse di Formula 1 potessero partire il 3 maggio. L’organizzazione del GP smentisce ma solo parzialmente.

I preparativi per la gara sono stati ostacolati dalla sentenza sull’azoto del Consiglio di Stato di maggio, che richiede nuove infrastrutture e progetti di costruzione che includano piani dettagliati per compensare le emissioni di azoto in conformità con il diritto dell’UE.

Le organizzazioni ambientaliste stanno facendo pressioni affinché il circuito faccia una serie di concessioni prima di togliere il veto alla gara. Vogliono che l’inquinamento acustico sia ridotto nei giorni di gara e che le auto elettriche vengano introdotte entro cinque anni. “Non stiamo ponendo rigide richieste, ma applicheremo la normativa se non verrà trovata alcuna soluzione”, ha dichiarato Marc Janssen del gruppo ambientalista Stichting Duinbehoud a RTL Nieuws.

L’organizzazione del Grand Prix olandese ha rifiutato di commentare i dettagli delle discussioni in corso, ma ha dichiarato che il rapporto sul Volkskrant era inesatto. ‘Abbiamo avuto un dialogo costruttivo con il movimento ambientalista per più di un anno, ma abbiamo deciso di non condividere i contenuti di questi colloqui con il resto del mondo. Ci atteniamo a questo “, ha detto un portavoce.

L’espansione della stazione ferroviaria di Zandvoort e la costruzione di una nuova strada di accesso per accogliere i previsti 300.000 visitatori, potrebbero anche cadere in conflitto con la sentenza sull’azoto. Il ministro dello sport Bruno Bruins ha dichiarato che il governo si è impegnato a garantire che la gara prosegua nonostante le implicazioni della sentenza. “I Paesi Bassi non vedono l’ora di farlo”, ha detto.