Zambia: L’opposizione minaccia di denunciare il presidente Edgar Lungu alla Corte Penale Internazionale per violenze politiche

I partiti dell’opposizione nello Zambia hanno confermato la loro intenzioni di riferire il presidente Edgar Lungu alla Corte Penale Internazionale (ICC) dell’Aia per presunte violenze politiche contro i suoi rivali.

Secondo ben dieci figure dell’opposizione, il Presidente Lungu sarebbe responsabile di repressioni contro i suoi avversari, incluso il leader principale Hakainde Hichilema.

In un video non datato, Mr Hichilema è stato ripreso in fuga dalla polizia che lo rincorre lanciando gas lacrimogeni. Nel filmato si vedono anche i bossoli caduti a causa del lancio di proiettili.

Hichilema, la scorsa settimana, ha affermato di essere sopravvissuto a un tentativo di assassinio durante la campagna elettorale a Sesheke, nello Zambia occidentale. Elezioni anticipate potrebbero essere convocate molto presto.

https://www.youtube.com/watch?v=KFyRZxnyhmY

I rapporti tra Il presidente Lungu e Hichilema sono sempre stati ostili: nonostante osservatori internazionali abbiano valutato come “libere” le elezioni del 2016, l‘opposizione ha denunciato brogli.

Nel 2017, Hichilema è stato arrestato con l’accusa di tradimento dopo che il suo corteo non si è fermato a portare omaggio al presidente. “Non possiamo restare inattivi mentre i nostri cittadini vengono feriti dalla squadra del Fronte patriottico (PF) e quindi abbiamo preso la decisione di denunciare alcuni individui all’Aia per aver facilitato un’ondata di violenza politica”, ha dichiarato Charles Milupi, leader di un partito di opposizione minore.

https://www.youtube.com/watch?v=g-E2_LuONj0

Oltre al presidente Lungu, la coalizione ha intenzione di riferire il ministro dell’interno, il consigliere del presidente Lungu, il suo assistente alla stampa e il segretario generale del PF.

Milupi ha aggiunto che il filmato prova che la polizia aveva intenzione di assassinare il signor Hichilema in modo che non potesse prendere parte alle elezioni del 2021.

L’accusa dell’ICC può anche aprire un’inchiesta se riceve informazioni affidabili sui crimini commessi in uno stato membro, come lo Zambia.