CULTURE

CULTURE

Young Africa Botswana incoraggia la creatività artistica alle prime armi

Young Africa Botswana, in collaborazione con l’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi in Sudafrica, ha invitato scrittori, attori, direttori e professionisti teatrali a partecipare a una Meet&Greet session con Mike Van Graan, uno dei drammaturghi e attivisti culturali più famosi del Sudafrica.

L’evento, che ha avuto luogo il 1 agosto al Lady Olebile Masire Youth Centre di Gaborone, Botswana, ha inoltre visto la partecipazione di alcuni ospiti dell’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi in Sudafrica.

“Lo scopo di questa sessione è stato quello di permettere ai praticanti di arti teatrali di confrontarsi con Van Graan per capire come poter essere più creativi e come raggiungere i mercati locali in modo più influente e sostenibile” ha dichiarato l’Executive Director di Young Africa Botswana, Jelena Mitrović.

Tre sono stati gli argomenti affrontati: l’attivismo nell’arte e il suo impatto sulla società; il bisogno di una rivendicazione culturale della politica; l’interazione tra legislatori e artisti del Botswana.

Mike van Graan è Presidente dell’ African Cultural Policy Network e vincitore di un premio in drammaturgia. Attualmente è un artista residente all’Università di Pretoria, dove ha ricevuto un dottorato onorario nel 2018 per il suo attivismo culturale e i suoi lavori creativi. Dopo le prime elezioni democratiche del Sudafrica, poi, è diventato consulente del Ministro dell’Arte e della Cultura, e ha avuto un ruolo cruciale nel creare politiche culturali post-apartheid.

Oltre ad aver ricoperto ruoli da leader nelle formazioni culturali anti e post apartheid, inoltre, ha lavorato in organizzazioni pan-Africane come Arterial Network, promuovendo il settore creativo e il modo in cui esso si relaziona a diritti umani, democrazia e sviluppo. Attualmente lavora nel segretariato provvisorio per la nascente Global South Arts and Culture Initiative (GLOSACI).

SHARE

Altri articoli