CULTURE

CULTURE

World Press Photo 2019, il focus mondiale sul fotogiornalismo

di Federica Veccari

 

 

Nato nel 1955 come concorso internazionale lanciato da un gruppo di fotografi olandesi, il World Press Photo è oggi riconosciuto come la più importante vetrina del fotogiornalismo mondiale.

https://www.youtube.com/watch?v=tmGTar62_30

Professionisti da ogni angolo del globo vengono selezionati per questa competizione per tematiche o istantanee dell’anno passato. Nella società dell’immagine l’utilizzo della fotografia come mezzo di espressione colpisce direttamente con la sua potenza visiva. In un’epoca in cui tutto si consuma rapidamente e in maniera superficiale, un’immagine può essere più eloquente di mille parole.

La competizione si divide in due parti: da un lato, il ”World Press Photo Contest” che premia lo scatto (e la sequenza di scatti) che ha catturato nel modo migliore una situazione o un fatto di interesse sociale, dall’altro, il ”Digital Storytelling Contest”, foto interattive brevi filmati. Ognuna di queste due sezioni include, poi, delle sottocategorie: ”Nature”, ”Spot news”, ”Contemporary issues”.

 

 

Accanto alla mostra, inaugurata sabato scorso, si è svolto il festival, una due giorni (12 e 13 aprile) all’interno di Westerpark, ad Amsterdam. per celebrare la ricchezza e la diversità del giornalismo visivo con presentazioni, screening, dibattiti, workshop. Tra i diversi interventi, è certamente degno di nota quello di Tina Rosenberg, giornalista del New York Times e promotrice di un nuovo approccio definito ”solutions journalism”: l’intento è quello di affrontare il “pregiudizio negatività” nei media, passando da un focus sui problemi alle storie di chi agisce.

Il vincitore del primo premio come miglior foto di quest’anno è John Moore e il suo scatto della bambina che piange al confine tra USA e Messico mentre la polizia perquisisce sua madre.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli