I liberali del VVD e i cristianodemocratici del CDA hanno nuovamente escluso la possibilità di una collaborazione con il PVV di Geert Wilders, all’interno di un esecutivo. ”Ha avuto la sua occasione “, ha detto il leader CDA Sybrand Buma al portale Nu.nl. “Ma dopo il 2012 [Quando Wilders tolse il suo sostegno al governo di minoranza] l’impegno costante è di non collaborare di nuovo con il PVV.

Halbe Zijlstra, capogruppo VVD in parlamento, ha detto che parlare con Wilders sarebbe una perdita di tempo. “Uscì in un momento cruciale, le sue politiche socio-economiche sono lontane dalle nostre e, forse più importante è diventato così radicale che il suo modo di fare politica rischia di danneggiare i principi dello Stato di diritto nei Paesi Bassi ha “, ha concluso il deputato.

Edith Schippers, l’ex ministro della salute che sta conducendo i colloqui di coalizione, avrebbe raccolto da Geertje la volontà di ripristinare i colloqui e  parlare con le altre due parti nel tentativo di costruire una coalizione. «Ho detto che sarei felice di farlo”, ha fatto sapere Wilders. Secondo lui, tagliando fuori il PVV, VVD e CDA starebbero ignorando la voce dei loro elettori, comportandosi in modo arrogante e antidemocratico.

Il PVV ha vinto 20 seggi alla Camera nel voto della scorsa settimana. Buma ha detto più tardi che questo sia fino al PVV. “Se vuoi far parte del governo, è necessario mostrare alle altre parti che esiste una base per lavorare insieme. Wilders, questa base, non l’ha mostrata “