Dallo scorso martedì il browser Google Chrome ha segnalato 3000 siti olandesi ‘non sicuri’. Secondo uno studio condotto da Open State Foundation, la connessione non sicura è segnalata da un avviso che riporta inoltre la possibilità di furto dati, riporta NU.nl.

L’elenco dei siti non sicuri include quelli dei comuni di Zutphen e Heemskerk, ma anche quelli di Ekoplaza e NS International’s customer service.

Il problema potrebbe risedere nell’utilizzo, da parte dei siti, di certificati non più riconosciuti da Google. Questo è il caso dell’istituzione educativa LOI, in possesso di un certificato di sicurezza Symantec: compagnia non più riconosciuta da Google dopo che nel 2015 è stata ritenuta responsabile di aver emesso certificati falsi.

I siti coinvolti ritorneranno sicuri una volta ottenuti nuovi certificati.