The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

CULTURE

Vyshyvanka, la tradizionale veste ucraina incontra il design olandese

CoverPic: public domain

Il 21 maggio si è festeggiato il giorno del Vyshyvanka, una festa che ha lo scopo di riunire tutti gli ucraini del mondo e celebrare il patriottismo. È nata nel 2006 e viene festeggiata ogni anno il terzo mercoledì di maggio. Per questa occasione, dalla collaborazione tra la designer olandese Emily Hermans e il produttore locale di abbigliamento etnico Edelvika, è nato lo stile olandese del Vyshyvanka, l’abito tradizionale ucraino.

I vyshyvanka sono delle camicie ricamate e sono riconosciute in tutto il mondo per i loro ricami artistici e con tre colori: nero, rosso e bianco. Generalmente, ogni regione Ucraina utilizza diversi stili di ricamo, ad esempio gli Hutsuls che vivevano nei Carpazi decoravano le loro camicie con forme geometriche e motivi floreali. La storia della Vyshyvanka è antichissima e risale al V secolo a.C. Il Vyshyvanka è usato come talismano per proteggere la persona che lo indossa e per raccontare una storia di famiglia. L’autore ucraino Ivan Frankó è stato il primo ad utilizzare un vyshyvanka in versione moderna, che indossava sotto la giacca.

License: public domain

Quello che è iniziato come un webinar dedicato alle tendenze nell’uso di diverse tecniche di modellatura sui tessuti, è finito con lo sviluppo di un design unico di un capo di abbigliamento tradizionale e moderno. Sono stati combinati i colori che richiamano l’isola olandese di Marken con i motivi tipici ucraini.

“Mi è piaciuto guardare i Vyshyvanka alla festa nazionale ucraina, subito dopo il mio arrivo” ha detto l’ambasciatore Jennes de Mol. “Il mio ruolo è quello di costituire un ponte tra i Paesi Bassi e l’Ucraina e questo progetto riunisce tutti questi aspetti. Sono molto contento del risultato.” L’ambasciatore ha voluto ribadire che questo progetto mira a rafforzare le relazioni durature tra Paesi Bassi e Ucraina che riguardano la cooperazione in molti settori come economia, agricoltura, istruzione, cultura, diritti umani, pace e giustizia.