Il VVD è critico nei confronti della nuova legge sui transgender, che rende più facile per le persone cambiare la propria registrazione di genere. Il più grande partito di coalizione vuole più fondatezza dell’emendamento alla legge e si chiede se l’attuale legge non sia effettivamente sufficiente, come si è scoperto ieri sera alla Camera dei Rappresentanti. Ciò significa che una maggioranza per la legge non è affatto certa, dice NOS.

Se l’emendamento alla legge passasse, le persone non dovranno ottenere il nullaosta di un esperto per determinare la loro richiesta di cambiare sesso sia o meno fondata. I giovani a partire dai 16 anni non sarebbero più tenuti a farlo, e anche i bambini più piccoli potrebbero far cambiare la registrazione del loro genere attraverso i tribunali, secondo la proposta.

Il deputato Ulysse Elian del VVD ha dei dubbi al riguardo. “Il sentimento di qualcuno diventa legalmente dominante, senza che se ne parli”. E si chiede se sia una buona idea. Per un cambio di nome o un divorzio, fa l’esempio, si deve ricorrere al giudice.

D66, PvdA, GroenLinks, Volt, il Partito per gli animalis e BIJ1 sono favorevoli alla modifica della legge, perché convinti che la perizia sia inutile. Le persone possono decidere da sole qual è la loro identità e un tale viaggio da un esperto è vissuto come umiliante, dispendioso in termini di tempo e costoso. Gli stessi esperti ritengono inoltre che il loro giudizio aggiunga poco valore.

Nel dibattito di ieri sera, diversi partiti si sono espressi contro l’emendamento: destra e partiti crtistiani hanno varie obiezioni, ma tutti temono che i bambini diventino vittime della legge.  

Il partito Christen Unie ritiene siano necessarie ulteriori ricerche sul motivo per cui sempre più giovani sono coinvolti in un cambiamento di genere. “Sono principalmente  ragazze adolescenti e non abbiamo ancora una spiegazione chiara per questo. L’ascesa dei social media non gioca un ruolo in questo?”