Un tribunale dell’Aia ha deciso che il voto per posta nelle elezioni generali di marzo dovrebbe essere limitato esclusivamente agli ultrasettantenni. Molti esponenti politici hanno presentato varie proposte di permettere a un gruppo più ampio di persone vulnerabili al coronavirus di partecipare. Il partito per gli animali PvdD ha fatto ricorso al tribunale nel tentativo di estendere l’opzione del voto postale ad altre categorie, tuttavia, il giudice ha stabilito venerdì che la misura è “ammissibile nella sua forma attuale”, e ha respinto la richiesta.

Inoltre, ci sono sufficienti altre opzioni per permettere alle persone di votare in sicurezza. Alcuni esempi sono: l’introduzione del voto anticipato e l’espansione dell’opzione del voto per procura, ha comunicato la corte. La fattibilità di queste elezioni era stata messa in dubbio a causa del Covid.

Critiche

All’inizio di questo mese, i membri dell’Outbreak Management Team del governo hanno espresso le loro preoccupazioni sul fatto che le elezioni olandesi del mese prossimo possano svolgersi in sicurezza. Diversi membri dell’OMT hanno detto a NRC che i rischi associati al voto dovrebbero essere adeguatamente valutati e, se necessario, il voto del 17 marzo dovrebbe essere posticipato. Tuttavia, i ministri hanno insistito che le elezioni si svolgeranno come previsto. La ministra dell’Interno Kajsa Ollongren ha detto a Nieuwsuur la settimana scorsa che non c’era “bisogno” di spostare le elezioni.

Sono state prese misure “a prova di corona”, come l’apertura di alcuni seggi elettorali due giorni prima, permettendo agli over 70 di votare per posta e installando sistemi a senso unico e schermi di plastica.

Ollongren ha comunicato “Non possiamo dare una garanzia al 100%, ma stiamo facendo tutto il possibile”. Abbiamo elezioni nazionali una volta ogni quattro anni; è una parte importante della nostra democrazia. Non è qualcosa che si dovrebbe decidere di rimandare alla leggera”.

Affluenza elettorale

C’è anche la preoccupazione che la pandemia possa avere un impatto sull’affluenza elettorale, in particolare se i casi sono in aumento. L’affluenza alle elezioni comunali francesi dello scorso marzo è scesa al minimo storico del 45,5%, rispetto al 63,5% del 2014. Le autorità hanno introdotto la regola del voto per corrispondenza dopo che una ricerca ha indicato che il 10% degli olandesi sopra i 70 anni stavano pensando di non votare perché preoccupati per il virus.