L’associazione dei cinema NVBF, che contava di ospitare un massimo di 100 persone, ha detto di essere delusa della nuova misura che prevede solamente 30 persone all’interno delle sale. “Se 100 persone rappresentavano già una perdita, 30 è persino peggio” ha riferito il direttore dell’associazione per il cinema. “Siamo tornati a cento nelle settimane prima della chiusura e tutto è andato bene”. Come se non bastasse, i cinema più piccoli e d’essai si sono lamentati di non aver ricevuto la proposta di un protocollo serio, come accaduto con le grandi catene cinematografiche come Pathé, Vue e Kinepolis, riporta il quotidiano Volkskrant.

Taco Dibbits, direttore del Rijksmuseum, ha dichiarato di essere felice che il suo museo aprirà il 1° giugno. La decisione, in ogni caso, deve essere riconfermata il 20 maggio. In quel caso, un massimo di 2.000 persone potrà visitare il museo ogni giorno, 8.000 persone in meno rispetto al solito. Dibbits ha detto che al momento la cosa più importante è la sicurezza, il museo aprirà gradualmente per salvaguardare l’incolumità dei visitatori.

I musei potranno ospitare un massimo di una persona o nucleo familiare ogni 10 metri quadrati  e le vie di ingresso e uscita devono essere separate. Se necessario, deve essere imposto un sistema che tracci il percorso da seguire. “Questo potrebbe non essere pratico per molti i musei” scrive il quotidiano Volkskrant.

Ad ogni modo, l’annuncio del governo che ha sconvolto di più è quello che riguarda gli eventi. A quanto pare, nessuno evento come concerti e festival ripartirà senza aver trovato prima un vaccino. Si parla addirittura di tempi di attesa superiore a un anno.

Danny Damman, direttore commerciale della sala concerti ad Amsterdam Ziggo Dome, ha riferito di aver già adottato un protocollo interno per far accomodare 2.000/ 2.500 spettatori rispettando la distanza di 1,5 metri richiesta. “Se le persone possono recarsi in un parco perché non possono venire qui per vedere un concerto? Disponiamo di 30 ingressi e servizi igienici sufficienti per 17.000 persone, quindi penso che siamo a buon punto per garantire la sicurezza del nostro pubblico.” Damman ha confessato che non gli è nemmeno chiaro cosa il governa intenda con la parola “evento” a questo punto.

La regola di ammettere solo 30 persone nei teatri e nelle sale da concerto dal 1° giugno ha anche messo in crisi i piani del teatro Carré di Amsterdam di accogliere 475 persone entro tale data. ‘Questo è un terzo della nostra capacità e non offre una solida base finanziaria. Ma siamo un teatro e vogliamo offrire spettacoli. Ora la regola è trenta e cento dal mese dopo. Si discute persino se questo includa il personale. È bizzarro. Dobbiamo tornare al tavolo di discussione “, ha detto la regista Madeleine van der Zwaan.

La sala concerti e conferenze De Doelen di Rotterdam, che ha una capienza di 2100 ospiti, ha affermato che le conferenze internazionali non potranno avere luogo con un massimo di 30 persone. Non sono abbastanza nemmeno contando il solo staff”, ha dichiarato il regista Janneke Staarink.