NL

NL

Volete il contratto d’affitto? Vietato fare figli. Agenzia di Amsterdam mette nel contratto la clausola “anti-bebè”

Un certo numero di case nella parte “tranquilla” a Lange Leidsedwarsstraat, nel cuore di Amsterdam, gestite dal prestigioso makelaar Hendrick de Keyser sono considerate inadatte ai bambini e l’agenzia include -espressamente- il no a famiglie.

Anche se il lieto evento accade quando si è già nella proprietà. Intervistato dal Parool, un portavoce dell’agenzia è stato netto: siamo un’agenzia che gestisce proprietà private e stabiliamo noi i criteri di accesso.

“Ciò riguarda le case al di sopra della media e non adatte a famiglie di dimensioni superiori a due in termini di layout “.

E se un inquilina rimane incinta? “Naturalmente le situazioni possono cambiare, ma le case prima adatte possono non esserlo più. In tal caso, richiederemo agli inquilini di cercare un altro alloggio. E magari potremmo aiutarli se qualcosa di adatto diventasse vacante “.

Uno degli inquilini sentito dal Parool ha firmato il contratto di locazione, anche se ha pensato che quella imposta fosse un po ‘una condizione intimidatoria. Se lei dovesse rimanere incinta, dice, sarebbero guai.

Eppure dal centro Meldpunt Ongewenst Verhuurgedrag, un’organizzazione ch raccoglie denunce da parte degli inquilini per atteggiamenti poco consoni da parte dei proprietari, pur riconoscendo che alcuni alloggi sono poco adatti a bambini, non ritengono che una clausola di locazione possa espressamente vietarne la presenza.

Mettere su famiglia, insomma, è un diritto che viene prima del diritto del proprietario a decidere chi abiterà casa sua.

SHARE

Altri articoli