Incitamento all’odio, atti vandalici e minacce di vasta portata. Secondo un’indagine dell’Associazione delle città e dei comuni fiamminghi (VVSG), politici e amministratori locali vivono sempre piu’ spesso questo problema, dice VRT. Ben due comuni fiamminghi su tre intervistati hanno ricevuto segnali di radicalizzazione violenta negli ultimi due anni. “Si tratta di un aumento del 18%rispetto al 2020”, ha affermato la portavoce Nathalie Deast al programma di Radio 1.  ‘Het uur van de Waarheid’.  “I social media giocano un ruolo importante”.

Il problema sembra verificarsi principalmente in aree urbanizzate, sebbene quasi il quaranta per cento dei comuni rurali delle Fiandre indichi di aver assistito a fenomeno di radicalizzazione nel dibattito pubblico e nelle reazioni della gente, dice VRT.

Anche se sembra che ci siamo gradualmente lasciati alle spalle la pandemia, il COVID-19 continua ad avere conseguenze sociali. “Il clima di agitazione sociale e incertezza sulle conseguenze del coronavirus ha fornito il terreno fertile perfetto per le divisioni”, afferma Wim Dries, sindaco di Genk e presidente del VVSG. “I gruppi estremisti stanno cercando di trarne vantaggio diffondendo il loro messaggio e seminando divisioni a scapito della coesione nella società”.

In alcuni casi, la pandemia ha alimentato l’anti-politica: 3 sindaci su 5 intervistati nel sondaggio hanno indicato di aver dovuto affrontare questo problema. Nella maggior parte dei casi si trattava solo di insulti, sebbene vi fossero anche esempi di atti di vandalismo e minacce di morte. L’esempio più noto  è forse il sindaco di Maaseik Johan Tollenaere, che ha trovato il soldato scomparso Jürgen Conings morto in una foresta nell’estate del 2021.

Inoltre, la polarizzazione politica e ideologica gioca un ruolo sempre più importante nell’emergere dell’estremismo. Per la prima volta, più città e comuni segnalano forme di estremismo di destra (54% dei comuni partecipanti) rispetto all’Islam radicale (51% dei comuni partecipanti). Quasi un comune fiammingo su tre ha indicato un forte aumento del numero di fascicoli sull’estremismo di destra.

A Vilvoorde, per esempio, una città che negli ultimi anni ha avuto molti problemi con l’islamismo radicale e l’abbandono dell’IS. “Di conseguenza, probabilmente vediamo anche un aumento di individui di estrema destra e di ispirazione razziale che si connettono facilmente con la nazione”.