L’Unione europea ha commesso degli errori nelle ordinazioni dei vaccini anti-covid.

Lo ha ammesso Frans Timmermans, Vice presidente della Commissione europea in un’intervista rilasciata al quotidiano tedesco, Der Tagesspiegel. 

La Commissione europea è stata criticata fortemente per le sue azioni indecise e per gli errori strategici fatti nell’acquisto dei vaccini anti-Covid. Inoltre, un gruppo di Stati membri è insoddisfatto anche della distribuzione dei vaccini.

Nella situazione attuale, “dobbiamo assicurarci che tutta l’Europa abbia i vaccini”, dice il commissario europeo. “E’ vero che ci sono stato degli errori nell’ordinazione dei vaccini, sia da Bruxelles che dagli Stati membri,” dice Timmermans, che vuole fare il punto del piano dopo la pandemia. “Così possiamo vedere cosa abbiamo fatto di sbagliato a cosa abbiamo fatto bene.”

Tuttavia, Timmermans è certo che un approccio europeo sia a favore anche dei Paesi membri più ricchi. 

Da Bruxelles, ora sono stati ordinati almeno 1.4 miliardi di dosi di vaccini già autorizzati dall’UE. Questo dovrebbe essere più che sufficiente per i 450 millioni di europei.