Da lunedì 15 giugno, alcune misure antiCovid introdotte il 15 marzo verranno ulteriormente rilassate. Vediamole: sarà possibile viaggiare di nuovo, con destinazione verso tutti i Paesi dell’area Schengen, inclusa quindi l’Italia, con l’aggiunta della Bulgaria.

Stesso discorso si applica a chi giunge in Olanda da quei Paesi. Il codice di avviso, che attualmente è arancione, diventerà giallo. Ma non ancora verde. Quindi, i viaggi sono possibili ma le autorità raccomandano cautela. Danimarca, Regno Unito e Svezia rimarranno per il momento su codice arancione.

Tuttavia, le misure non sono reciproche: per chi proviene dall’Olanda non sarà possibile entrare in Grecia, Norvegia, Spagna, Irlanda e Cipro. In alcuni Paesi dove sarà possibile viaggiare, tuttavia, verranno prese all’arrivo misure straordinarie. Ad esempio, in molti verrà misurata la temperatura dei viaggiatori.

Restrizioni allentate anche per le visite a domicilio e per bagni, servizi igienici e docce comuni: in quest’ultimo caso, vuol dire che i campeggi potranno riaprire. Idem per i bagni di giardini zoologici, parchi di divertimento, piscine pubbliche e biblioteche.

Inoltre, il divieto di visitare case di riposo e strutture di assistenza per anziani sarà revocato a partire da lunedì, ad eccezione di quelli in cui i casi Covid-rimangono elevati. In tali luoghi, la ricezione dei visitatori rimarrà vietata, tranne in situazioni eccezionali, ha scritto De Jonge.

Le scuole superiori e i corsi parauniversitari, da lunedì, potranno accogliere studenti fino al 20% della capacità delle strutture.