Photo credit: Viola Zuliani

I partiti dell’opposizione di sinistra, SP, PvdA e GroenLinks sono sulle barricate per l’annunciata cancellazione delle sanzioni per i datori di lavoro che licenzieranno il personale, nonostante abbiano percepito sussidi. I 3 partiti chiedono che il governo reintroduca la sanzione, che ammonta al 50% dell’importo percepito dall’imprenditore.

Nel nuovo pacchetto che estende il regime NOW, tale ammenda sparirà se si tratterà di licenziamenti per motivi di lavoro. “È antisociale”, ha detto la leader SP Marijnissen. PvdA e GroenLink chiedono che la sanzione di licenziamento venga annullata.

Il presidente del partito VVD Dijkhoff ritiene che il governo stia facendo una scelta giustificata, perché alcune aziende avrebbero ulteriori problemi se dovessero mantenere il personale a tutti i costi: troppo costoso, ha detto il capogruppo VVD e per questo l’azienda potrebbe dichiarare bancarotta: “È antisociale far finta che le aziende vogliano davvero sbarazzarsi del proprio personale”, ha detto Dijkhoff a Marijnissen. “Le aziende devono essere in grado di prepararsi per un futuro diverso”.