The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

ART

“Venere, Cupido e Cerere” di Cornelis Van Haarlem all’Art Institute di Chicago

CoverPic | Author: Sailko | Source: Wikipedia | License: CC 3.0

L’Art Institute di Chicago ha annunciato l’acquisizione di Venere, Cupido e Cerere del pittore olandese Cornelis Cornelisz Van Haarlem (1562-1638). Monogrammato e datato nel 1604, il dipinto è il primo delle tre interpretazioni che l’artista ha dedicato allo stesso soggetto. Le altre due opere sono possedute dalla Gemäldegalerie di Dresda e dal Palais des Beaux-Arts di Lille.

Il quadro ha per oggetto le dee della bellezza e del raccolto in compagnia del dio dell’amore sotto forma di cherubino in un paesaggio lussureggiante. Il grappolo d’uva offerto da Cupido a Venere è un’allusione al dio del vino, Bacco, e trasforma la scena in un sapiente riferimento dell’antico motto, Sine Cerere et Libero friget Venus (Senza Cerere e Bacco, Venere ha freddo ossia Senza cibo e vino, l’amore si raffredda).

“Siamo entusiasti di portare questo splendido dipinto nella nostre collezioni” ha spiegato Jacquelyn N. Coutrè, curatrice dei dipinti e delle sculture europee antecedenti al 1750. “Con i suoi colori luminosi e le linee classiche dei nudi, è esemplare dell’approccio al Manierismo che predominava ad Haarlem dopo il 1600. Amplificherà le storie che possiamo raccontare nelle nostre gallerie sul lavoro e lo scambio artistico nelle Province Unite”.

Il dipinto verrà appeso durante la reinstallazione della galleria dedicata agli artisti dell’Europa del nord nell’ottobre 2020.