Il 2020 è stato un anno da dimenticare in termini di vendite di auto nuove, scrive RTBF. Nonostante siamo ancora in attesa dei dati di dicembre, il calo è stato del 22% nei primi 11 mesi dell’anno. Ma non per ogni tipo di veicolo: l’auto ibrida, ad esempio, ha raddoppiato le sue nonostante un prezzo piuttosto alto.

Quello era il focus principale del salone dell’auto del 2020: l’elettricità. Ma non è ancora il momento per le auto 100% elettriche, che non rappresentano nemmeno il 3% delle vendite; il belga preferisce a quanto pare, i mezzi ibridi. Quasi un’auto su 10 venduta l’anno scorso era infatti ibrida.

E la crescita rapida non sarebbe un caso: Filip Rylandt, portavoce di Traxio, spiega al portale francofono: “Primo, le normative europee che impongono ai produttori di abbassare il livello di CO2 per tutta la loro gamma”. L’elettricità e gli ibridi, che producono meno monossido di carbonio, sono quindi favoriti per raggiungere questo obiettivo.

In secondo luogo, “è un vantaggio per gli utenti delle auto aziendali”. Infatti, un’auto ibrida, e soprattutto un’ibrida plug-in, sono detraibili fino al 100% per le aziende.

In attesa della riforma fiscale, le vendite dell’ibrido stanno finalmente decollando, 24 anni dopo la loro invenzione, conclude RTBF.