V&D, dopo la bancarotta rilancio in odore di speculazione

Solo una sicurezza da ieri per V&D: tutte le filiali sono chiuse e lo resteranno almeno fino a fine marzo, per un totale di 6 settimane.

Ronald Kahn, proprietario della catena Coolcat, non e riuscito per ora a strappare l’accordo ai 45 proprietari degli edifici sede dei punti vendita e magazzini di V&D, né a convincere le banche a investire nella riorganizzazione della catena di grandi magazzini neerlandese.

Ronald Kahn e curatori hanno deciso di prendere tempo per cercare nuove soluzioni, una scelta comprensibile secondo Frank Quiz, docente all’UvA e direttore dell’istituto di ricerca Q&A, che avrebbe dichiarato: “non si può affrontare  un problema simile e mandare avanti il negozio allo stesso tempo. Il rischio e’ ovviamente che il pubblico si dirotterà nel frattempo su Blokker, Hema, C&A e H&M. Ma una catena storica come V&D non si dimentica così presto.

Nel frattempo le merci rimangono a Shanghai e a Instanbul e gli scaffali rimangono semivuoti. Niels Suijker, direttore del sindacato nazionale FNV, avrebbe espresso la sua preoccupazione, poiché 6 settimane sono sufficienti a interrompere la continuità dell’azienda, e quindi anche degli 8.000 rapporti di lavoro ora congelati. FNV sta già organizzando incontri informativi sulla richiesta di disoccupazione (WW-uitkering) per i dipendenti a casa.

Ronald Kahl, che ha fatto la sua ascesa grazie al marchio di abbigliamento per teenagers Coolcat, è anche proprietario di M&S Mode, America Today e Sapph. Con il suo capitale di 250 milioni di euro è al 70esimo posto nella classifica di Quote 500. Non vuole comprare V&D e preferisce cercare investitori, che però per ora gli chiudono le porte. Inclusa la ING che avrebbe dichiarato di non voler investire in ‘speculazioni’.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli