Pic credit: Sara Ariu

I contagi sono di nuovo in aumento in Belgio, “ma la situazione è tutto sommato stabile, in alcuni paesi europei è già terza o quarta ondata”, dice VRT.

Per una spiegazione dell’aumento del numero medio di nuovi contagi, il virologo di Sciensano Steven Van Gucht guarda, tra le altre cose, all’aumento del numero di infezioni nei bambini sotto i 10 anni di età. Più dell’80% dell’aumento può essere spiegato da questo dato: “Ora sono molti di più i test sui bambini, a causa della ripresa delle lezioni dopo le vacanze di primavera”, spiega Van Gucht.

“È importante ricordare che il numero di contagi per 100.000 bambini è ancora molto inferiore rispetto all’età avanzata”, spiega Van Gucht. Il tasso di tamponi positivi è più alto negli adolescenti, nei ventenni e nei trentenni.

Van Gucht vede una leggera diminuzione del numero di focolai nelle scuole, ma un aumento di quelli nelle aziende. “Di solito riguarda settori in cui il telelavoro è difficile, come il settore alimentare e della lavorazione della carne, l’edilizia, la sanità e i servizi di pulizia”.

Nonostante le cifre Covid siano fluttuanti, spiega il canale fiammingo, il Belgio se la sta ancora cavando abbastanza bene rispetto ad altri paesi europei, afferma Van Gucht.