“Nelle ultime settimane e mesi abbiamo lavorato molto duramente con il nostro team per preparare tutto”, ha detto Thomas De Rijdt, capo della farmacia ospedaliera presso UZ Leuven a Le Vif.

Le prime dosi sono arrivate in ospedale con trasporto sicuro alle 9:00 e sono state immediatamente stoccate nell’ultra-congelatore a -75 gradi Celsius, scrive il giornale francofono. Si tratta di 9.750 vaccini, distribuiti su 10 vassoi da 975 vaccini ciascuno. Dalle ore 13 di domenica inizierà lo scongelamento dei primi vaccini, destinati alla somministrazione il 28 dicembre. Verranno spostati in un frigorifero con una temperatura compresa tra 2 e 8 gradi.

Da quel momento possono essere conservati in frigorifero per altri cinque giorni, spiega Le Vif. Le dosi saranno trasportate alle case di cura con un van refrigerato, insieme a siringhe, aghi e diluente. Una volta che il vaccino sarà diluito, potrà essere utilizzato per altre sei ore. “Siamo molto orgogliosi di essere stati scelti come primo hub ospedaliero”, sottolinea Thomas De Rijdt al giornale.

Nei prossimi mesi 41 ospedali continueranno a distribuire vaccini. Le prime vaccinazioni belghe contro il Covid-19 avranno luogo lunedì in tre case di cura del Paese: a Notre Dame de Stockel a Woluwe-Saint-Pierre, a La Bonne Maison de Bouzanton a Mons e al woonzorgcentrum Sint-Pieters a Puers-Saint -Amand. Circa 500 dei 10.000 vaccini consegnati sabato sono riservati a queste strutture.