The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

Venerdì scorso, RTL-TVI, la versione belga-francofona del canale tedesco, ha aperto il notiziario di mezzogiorno JT con un servizio dedicato alla drammatica situazione di Zarzis, in Tunisia, dove il mar Mediterraneo restituisce i corpi senza vita di decine di migranti che non sono riusciti a raggiungere la terra ferma.

Una scelta legittima, scrive il portale La Dernière Heure tranne che l’angolo scelto ha colpito la sensibilità di molti: il tema è infatti stato discusso attraverso gli occhi di Charlotte, una vacanziera belga, che racconta il “calvario” della sua vacanza rovinata.

 

Accusato da alcuni cittadini di “partecipare alla disumanizzazione dei migranti”, il canale RTL-TVI risponde: “Gli spettatori hanno diritto di farsi piacere o meno il modo in cui un soggetto è stato trattato”

Una posizione da molti, in Belgio, considerata di cattivo gusto: la copertura dei media e la “disumanizzazione della situazione dei migranti” è stata oggetto di un appello firmato da diversi media e da 378 cittadini, alcuni di loro attivisti.

Contattato da DH, il canale privato ha reagito dicendo che la scelta della prospettiva, ossia della storia di Charlotte, che è stata ‘costretta’ a cambiare hotel a causa del naufragio e ha visto le sue “vacanze rovinate” sarebbe stata per creare contrasto con le altre storie drammatiche.