NL

NL

Utrecht, il ristorante anti- Green Pass porta il governo in tribunale per la riapertura

Il tribunale di Utrecht si pronuncerà oggi alle 17.30 sulla chiusura del ristorante Waku Waku: i proprietari sono andati in tribunale a causa della chiusura della loro attività da parte del comune. Per il ristorante il Green Pass e’ discriminatorio e i locali non dovrebbero avere obbligo di fare gli sceriffi, dice NOS.

A sua difesa, il comune ha richiamato la legge che impone agli imprenditori di rispettare la legge anche se non sono d’accordo con essa. In caso contrario, l’edificio dovrà chiudere. Sono stati tenuti colloqui con i proprietari, in cui sono state ricordate le conseguenze se avessero ignorato il controllo corona.

Dato che il ristorante si è rifiutato di controllare i Green Pass dei visitatori, le serrature sono state sostituite questa settimana per ordine della sindaca Dijksma. La chiusura ha portato a proteste e arresti davanti all’ingresso del locale. Il proprietario Beukers ha dichiarato in tribunale che non è in cerca di attenzione. “Non era nostra intenzione finire qui”.

Ieri il comune ha vietato le manifestazioni davanti al locale perché l’impatto sull’ambiente sarebbe troppo grande. Gli avvocati di Beukers e Parinussa hanno anche sostenuto che la disposizione del ristorante non era cambiata rispetto alla situazione prima dell’introduzione del certificato corona per la ristorazione il 25 settembre. 

Waku Waku ha anche indicato che le cifre Covid nei Paesi Bassi, che sono stabili ora che gran parte della popolazione è stata vaccinata e quindi il comune non avrebbe dovuto chiudere il ristorante. Dopo la chiusura, i proprietari di Waku Waku hanno richiesto sostegno finanziario tramite la pagina crowdfund di GoFundMe, raccogliendo circa 240.000 euro.

Waku Waku ha anche ricevuto 82.086 euro in aiuti dal governo.

SHARE

Altri articoli