The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Università, migliorano i servizi ma il governo taglia i fondi

Mentre le università olandesi fanno investimenti extra, il governo le finanzia sempre meno. Lo afferma la VSNU, l’Associazione delle università olandesi. Con l’abolizione della borsa di studio di base, le università hanno potuto aumentare gli investimenti e la qualità dell’istruzione. Ma il governo ha diminuito la somma di denaro per ogni studente iscritto. Nel 2000, ogni ateneo riceveva 20mila euro per studente iscritto, oggi circa 15mila.

Per la VNSU la riduzione della cifra deriva da un aumento degli studenti. Nell’anno accademico 2000/2001 erano 166mila le persone in Olanda che accedevano all’istruzione superiore. Oggi sono il doppio.

Chi ha abolito la borsa di studio di base voleva usare i soldi per migliorare il sistema universitario esecondo la VSNU ce l’ha fatta. Solo l’anno scorso, le università hanno speso 66 milioni di euro per “miglioramenti della qualità”.

“All’Università di Maastricht, per esempio, abbiamo ridotto la dimensione delle classi ad un massimo di 15 studenti. A Rotterdam abbiamo aumentato il numero di tutor extra” racconta l’associazione. Le università stanno continuando a investire in strutture e servizi, prima fra tutte la digitalizzazione. Inoltre, “il benessere degli studenti è diventato la priorità” continua l’associazione. Ad esempio sono stati assunti sempre più  psicologi.
Tutto questo sembra insufficiente per tenere alta la qualità dell’istruzione universitaria. Serviranno più investimenti.

Una maggioranza nella Tweede Kamer del Parlamento vuole reintrodurre le borse di studio e demolire il sistema corrente. La VSNU non si esprime. Spera soltanto che gli investimenti extra per le università olandesi, tra le migliori al mondo, verranno mantenuti anche dopo le elezioni di marzo.