CoverPic@Simplified Pixabay License

La compagnia anglo-olandese Unilever, che si occupa di alimenti e prodotti per l’igiene, rivedrà la propria strategia globale per quanto riguarda il tè, avendo mancato gli obiettivi di crescita prestabiliti, riporta NOS. Normalmente, la crescita annua, è compresa tra il 3% e il 5%, ma nel 2019 è stata del 2,9%.

L’amministratore delegato Alan Jope ha fatto sapere in un comunicato che la compagnia “sta implementando le azioni verso i parametri di crescita”. Questo include anche “risparmiare sui costi. Vogliamo aumentare così il nostro portfolio e iniziare a rivedere la nostra strategia globale per quanto riguarda la vendita del tè”

Unilever rivendica di essere la più grande compagnia al mondo nel bussines del tè, avendo marchi come Lipton, Brooke Bond e PG Tips. Negli ultimi anni si è espansa anche nel mercato della frutta e delle erbe. Le vendite del tè nero, tuttavia, che costituiscono i guadagni maggiori, sono costantemente in declino, ha fatto sapere la compagnia.

La revisione delle strategie occuperà 6 mesi e verranno prese in considerazione tutte le opzioni.