Una maggioranza di deputati ha chiesto al governo di cessare immediatamente l’erogazione di  miliardi di euro a compagnie che producono energia, per incoraggiarle a utilizzare la biomassa, più rispettosa dell’ambiente.

Questi chiedono al ministro dell’economia Henk Kamp, di non accettare ulteriori richieste di sussidio, come avvenuto fino ad ora, in base alle norme per stimolare la produzione di energia verde.

All’inizio di questa settimana, il Financieele Dagblad ha sostenuto che centrali elettriche a carbone nei Paesi Bassi riceveranno tra 2 e 2,5 miliardi di euro in sovvenzioni statali per stimolare l’uso della biomassa.

Secondo i parlamentari non sarebbe chiara la destinazione del denaro e sottolineano l’aumento del costo della biomassa, rispetto al calo del costo di energia solare ed eolica. L’origine delle biomasse, provenienti soprattutto da boschi in Europa e Nord America, è  controverso: ‘Gli alberi vengono abbattuti in Canada, spediti su imbarcazioni verso i Paesi Bassi, trasformati in trucioli di legno e bruciati nelle centrali elettriche. Stop al sussidio ‘, ha detto il deputato laburista Jan Vos.

Il movimento per porre fine a queste sovvenzioni non è stato sostenuto dal VVD o dai cristianodemocratici del CDA; questi ultimi sarebbero preoccupati dal fatto che gli obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 non saranno soddisfatte senza l’uso di biomassa per sostituire il carbone.