Il 21% dei donatori di sangue nei Paesi Bassi presenta anticorpi contro il COVID-19 o SARS-CoV-2, ha concluso la banca del sangue Sanquin dai propri campioni. Gli anticorpi indicano che la persona ha avuto il virus ad un certo punto, o è stata vaccinata contro di esso.

il 26% dei donatori di sangue, con anticorpi contro il coronavirus, è situato nelle province del Limburg e Noord-Brabant. Nel resto dei Paesi Bassi, tale percentuale è di circa il 20%.

“Sfortunatamente, non si può dire in generale che anche qualcuno con anticorpi è garantito, per essere immune”, ha detto Hans Zaaijer, medico microbiologo presso Sanquin. “Ma questo indica chiaramente quante persone sono state infettate dalla prima ondata. Il RIVM può utilizzare questi dati per fornire consulenza su ulteriori politiche”.

Settimanalmente, vengono testati circa 2mila campioni di sangue provenienti dai donatori, prelievi che, secondo la banca del sangue, sono indicatori della diffusione del COVID-19 nei Paesi Bassi. I donatori infatti non rappresentano la popolazione totale, ma delle cifre “fortemente indicative”, ha detto un portavoce di Sanquin a NU.nl.