+31mag Channels

The Netherlands, an outsider's view.

CULTURE

Un panino, un portafoglio e una giraffa: la resistenza dell’analogia nella poesia di Lyn Hejinian

Nella libreria San Serriffe la poetessa americana ha letto un componimento mai pubblicato

Lo scenario è insolito ma chi vive ad Amsterdam vi è ormai abituato. A poche decine di metri dalla più antica chiesa olandese, tra una vetrina a luci rosse e le insegne del celebre mastino che infestano il centro della città, sorge una piccola libreria indipendente: San Serriffe a Sint Annenstraat 30. 

Più che nel Red Light, sembrerà di trovarvi nel Queens di New York: uno spazio intimo con un soppalco sul fondo, tutto all’insegna del bianco e del neon, pochi libri dai titoli accattivanti e giganti fotocopie di profumi e forbici alle pareti. La maggior parte delle pubblicazioni riguardano raccolte di poesie, arte post-coloniale e design più o meno sperimentale.

Sabato sera la poetessa e scrittrice californiana Lyn Hejinian ha recitato un lungo poema in prosa tratto da sua una raccolta mai pubblicata: A Sandwich, a Wallet and a Giraffe, “forse c’erano tre cose ma nessuna riusciva a spiegare le altre due”. La poesia è un modello che forza la logica nel ripensare le relazioni aperte tra linguaggio e cose, inclusi i corpi umani. Fondatrice della “language poetry”, Hejinan è una delle più importanti esponenti dell’avanguardia poetica sperimentale negli anni ’70. 

Introdotta da Andrea di Serego Alighieri, un ricercatore che lavora sulla poetica della Hejinian all’UVA, la poetessa statunitense, arrampicata sulle scale, ha letto uno di quelli che considera i propri testi aperti: allusioni e analogie in cui la logica dell’unica interpretazione possibile fa difetto. Per descrivere la vastità del mondo non si può che utilizzare ripetizioni, associazione di suoni e vuoti che spetta al lettore riempire. O che possono essere lasciati tali: in ogni atto poetico c’è qualcosa che resiste alla creazione linguistica, una forma di resistenza necessaria per poter continuare a creare prendendosi cura degli altri.

Forse chi ha avuto l’accortezza di ascoltare il reading nell’interno del locale affollato, ha mancato quell’esperienza di pura avanguardia che ha vissuto chi sulla soglia contendeva il vicolo a turisti barcollanti e festanti addii al nubilato. 


31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news, reportage e video inediti in italiano.
Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

Recharge us!