Author: MONUSCO Source: Wikipedia License: Attribution-Share Alike 2.0 Generic

I Paesi Bassi vorrebbero mettere a disposizione 1 miliardo di euro in aiuti per combattere il coronavirus nei paesi in via di sviluppo dell’Africa, ha riferito lunedì il consiglio consultivo del governo olandese sugli affari internazionali (AIV).

Il coronavirus sta causando problemi senza precedenti in tutto il mondo, in particolare nei paesi più poveri e vulnerabili, ha affermato l’AIV. I Paesi Bassi e l’Unione europea possono e devono svolgere un ruolo guida nella lotta contro questa crisi.

Se i Paesi Bassi e l’Europa non si assumono questa responsabilità, ci saranno conseguenze geopolitiche, ha avvertito l’AIV. “Covid-19 è la prima crisi globale senza la leadership americana e intensifica la rivalità tra Stati Uniti e Cina”, ha affermato il consiglio. “Se l’UE rivendica un ruolo geopolitico, ora è il momento di essere all’altezza.”

È “ben compreso l’interesse” nella generosità dei Paesi Bassi, secondo l’AIV. In quanto paese commerciale, i Paesi Bassi beneficiano di un’economia globale ben funzionante. Il coronavirus potrebbe anche innescare significativi flussi di rifugiati nei Paesi Bassi se colpisse duramente i paesi in via di sviluppo, ha sottolineato il consiglio.

“L’AIV raccomanda di mettere a disposizione un importo di 1 miliardo di euro per alleviare i bisogni più gravi”, ha affermato il consiglio. Il denaro deve provenire da risorse generali, non da budget in corso per aiuti allo sviluppo. L’AIV sconsiglia vivamente anche i tagli di bilancio agli aiuti allo sviluppo, anche ora che l’economia olandese sta affrontando una recessione.