Oggi, molti olandesi erano in fila per una vaccinazione di richiamo in Germania, nella città tedesca di Aachen, nei pressi della frontiera con Maastricht che  rappresentavano circa la metà dei 500 shot di richiamo somministrati in quella postazione, nonostante il consiglio del GGD di non andare all’estero per un richiamo.

L’organizzazione sanitaria lo sconsiglia, perché il vaccino ricevuto in altri paesi dell’UE non verrebbe registrato nell’app CoronaCheck. Gli olandesi che si sono recati in Germania, dice NOS, lo hanno fatto principalmente per ottenere la certificazione valida per sciare in Austria, unica alternativa possibile alla quarantena obbligatoria di 10 giorni: secondo loro, è abbastanza facile: “Devi entrare, mostrare il passaporto e compilare un modulo. E poi puoi effettivamente ottenere il terzo shot”, dice uno di loro al canale tv.

“Nei Paesi Bassi ci vuole troppo tempo, quindi questa era in realtà la soluzione migliore”, dice qualcun altro. E con Corona Check? Quegli olandesi scaricano l’app tedesca Corona-Warn dall’organizzazione sanitaria Robert Koch Institute. In essa sono registrati il ​​richiamo, ma anche le vaccinazioni precedenti.  E in seguito? Non è noto se il loro terzo shot sarà riconosciuto dall’app CoronaCheck.

Il Ministero della Salute afferma di essere impegnato a trovare a una soluzione per garantire che le persone con un richiamo effettuato all’estero ottengano un codice QR olandese. Per ora, il consiglio del ministero è di vaccinarsi  nei Paesi Bassi.