Source: youtube

I turisti del Regno Unito e della Svezia non saranno i benvenuti nei Paesi Bassi quando il turismo riprenderà il 15 giugno, ha detto ai giornalisti il ​​primo ministro Mark Rutte. Regno Unito e Svezia rimangono nella “black list” olandese di destinazioni per i visitatori che provengono da questi due Paesi a causa del rischio di contrarre coronavirus. “Il messaggio è che al momento non vogliamo che gli inglesi e gli svedesi siano qui”, ha detto. “Se vengono, dovranno andare in quarantena per due settimane”

Dal 15 giugno, gli olandesi potranno fare le vacanze in 12 paesi, tra cui Germania, Belgio, Italia, Croazia e le isole dei Caraibi olandesi. “I rischi per la salute devono essere simili ai nostri”, ha detto Rutte.

Più tardi, altri paesi europei come la Spagna e la Francia verranno aggiunti all’elenco dei paesi, se toglieranno formalmente le restrizioni ai turisti dai Paesi Bassi, ha affermato Rutte, aggiungendo che “stiamo facendo questo passo gradualmente”.

I paesi che hanno imposto la quarantena alle persone provenienti dai Paesi Bassi, come la Danimarca, rimarranno anche nella lista arancione per cui dovrebbero essere evitati i viaggi. Ma i turisti danesi saranno ammessi nei Paesi Bassi. Tuttavia, viaggiare al di fuori dell’UE sarà ancora basato esclusivamente su viaggi essenziali e tutti coloro che lo faranno dovranno andare in quarantena per due settimane al loro ritorno.“Non rimpatrieremo colore che restano bloccati”, ha rincarato Rutte.

L’Istituto di sanità pubblica cercherà di modificare settimanalmente le raccomandazioni ufficiali. Alla domanda se fosse ragionevole prenotare una vacanza, Rutte ha spiegato che spetta alle persone decidere se vogliono o meno correre il rischio. “Non credo che nessuno stia aspettando di ricevere consigli sulle vacanze da me. Stiamo chiedendo alle persone di mostrare responsabilità e di rimanere vigili. Ma non stiamo vietando nulla”.

Tuttavia, il primo ministro ha sottolineato che le persone dovrebbero seguire le regole del paese che visitano, oltre a attenersi a quelle olandesi.. “I Paesi Bassi hanno scelto di dare molta responsabilità alle persone stesse”, ha affermato Rutte. ‘Non abbiamo avuto la polizia bussare alla porta e abbiamo multato molte meno persone per aver infranto la regola di distanziamento rispetto ad altri Paesi. Quindi ho davvero fiducia che continueranno a farlo. “