TTIP Come la pensano i partiti olandesi?

La risoluzione, non vincolante, approvata ieri a Strasburgo che dà il via libera alle istituzioni europee a proseguire i negoziati con il governo americano sul Ttip (transatlantic trade and investment partnership) è appoggiata da socialisti, liberali e conservatori mentre ha incassato il no del gruppo verde, del GUE e della destra. Quali sono le posizioni olandesi sul criticato accordo, che vorrebbe creare uno spazio di libero scambio USA-UE?

FAVOREVOLI

Sono a favore i due partiti liberali D66 e VVD. Secondo il D66 “è l’opportunità per creare il più grande mercato del mondo e stabilire regole e standard prima che lo facciano economie emergenti come quelle russa, cinese e dei Paesi medio-orientali“. 12Per il D66, i servizi pubblici devono rimanere fuori dall’accordo. Della stessa opinione il VVD che a differenza dei colleghi nel gruppo europeo ALDA, è favorevole all’ISDS, il sistema di arbitrato fortemente voluto dagli USA, che consentirebbe alle aziende di citare in giudizio gli stati che approvassero norme negative per i loro investimenti; secondo il VVD, l’atteggiamento del governo cinese nei confronti delle aziende europee è un esempio della necessità di questo strumento di tutela. 

Anche il Pvda, il partito laburista, è favorevole all’accordo ma auspica regole rigide e la creazione di uno standard comune tra USA e UE piuttosto che un mercato unico. Contrari invece all’ISDS. Anche i laburisti, sottolineano l’importanza di un tale accordo per un’economia basata sull’esportazione come quella olandese. E favorevoli, per le stesse ragioni, sono anche i partiti cristiani SGP, CDA e Christenunie.

CONTRARI

L’SP guida l’opposizione interna al Ttip: fortemente contrari tanto a regole comuni quanto ad un mercato interno USA-UE. Secondo l’SP “l’accordo sarebbe al ribasso e introdurrebbe in Europa prodotti non consentiti (il riferimento è agli OGM) Non vogliamo una NATO economica”. 13Critica dei socialisti anche alla discussione in corso: non è chiaro chi dovrebbe negoziare e quale ruolo finale avranno i parlamenti nazionali. Sulle barricate anche il Groenlinks, contrario a qualunque ipotesi di accordo che vada a minare le regole europee in tema ambientale e di standard qualitativo sui prodotti alimentari. Dello stesso avviso anche il Pvdd, partito per gli animali, che a Strasburgo siede con l’SP nel gruppo della sinistra radicale GUE; secondo il Pvdd un tale accordo indebolirebbe le regole europee su ambiente, tutela degli animali e dei cibi.

INCERTI

La posizione del PVV di Wilders è ambigua: nonostante un sostanziale supporto  al Ttip il partito votò lo scorso anno contro l’apertura dei negoziati, in linea con gli altri partiti populisti euroscettici.

 

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli