L’anno scorso gli assicuratori hanno scovato circa 13.000 truffe: in totale, gli automobilisti disonesti hanno cercato di truffare una cifra prossima agli 88 milioni di euro. Secondo l’Associazione olandese degli assicuratori (Verbond van Verzekeraars), tra questi ci sono sempre più imprenditori, dice NOS.

Nel 2019 le aziende che hanno commesso frodi erano 125, l’anno scorso sono state 172. Quest’anno lo sportello è già quasi a 200. «Può sembrare poco, ma le polizze aziendali sono molte meno di quelle private. Si tratta anche di importi maggiori e quindi l’impatto si vede di più”, afferma Richard Weurding dell’Associazione olandese degli assicuratori.

Secondo gli assicuratori, la crisi Covid potrebbe avere avuto un ruolo in questa situazione: ad esempio, c’è stato un ristoratore che voleva sbarazzarsi della sua azienda a marzo dello scorso anno, perché ha visto diminuire drasticamente il suo fatturato e così ha pensato di dare fuoco alla sua attività.

Ma le cose sono andate tutte storte: l’intero edificio è andato a fuoco e un’indagine ha mostrato il dolo. L’imprenditore ha dovuto risarcire il proprietario dell’immobile di 56mila euro ed è stato condannato, insieme ad un altro indagato, a tre anni di reclusione.

Il numero di truffatori è superiore a quello dell’anno scorso, quando furono scoperti più di 12.000 casi. Tuttavia, nel 2019 erano state commesse frodi per un importo maggiore: 96 milioni di euro.