L’imprenditore olandese Sywert van Lienden, al centro di una presunta truffa per una fornitura di mascherine al governo olandese, è stato arrestato lunedì pomeriggio dal servizio investigativo-fiscale FIOD nell’ambito di un’indagine sulla Stichting Hulptroepen Alliance, dice NOS.

La Procura conferma che tre persone sono state arrestate e due abitazioni e un ufficio sono stati perquisiti, dopo la segnalazione di De Telegraaf. FIOD, la Guardia di Finanza olandese sta lavorando nell’edificio che ospita l’ufficio della Stichting.

Questa mattina, il Pubblico Ministero ha annunciato che avrebbe avviato un’indagine sulla fondazione e sui direttori: sono sotto la lente d’ingrandimento dopo che l’indagine ha mostrato come milioni di euro siano stati guadagnati grazie a forniture di attrezzature mediche.

I fatti sono avvenuti allo scoppio della pandemia, quando le mascherine erano introvabili e Van Lienden aveva concluso un lucrativo accordo con il Ministero della Salute, dice NOS.

Il motivo dell’indagine della Procura è la dichiarazione dell’agenzia per il lavoro Randstad, alla fine dello scorso anno: all’epoca, l’agenzia forniva personale autonomo alla fondazione Van Lienden che sostiene di aver guadagnato nove milioni di euro dall’accordo.