Abellio, una filiale della società ferroviaria di stato olandese NS, che gestisce servizi principalmente in Germania e in Gran Bretagna, si avvale del meccanismo delle scatole cinesi, utilizzando una fiduciaria in Irlanda per evadere il fisco nei Paesi Bassi.

Questo, nonostante il governo abbia redarguito i vertici della sua società, di astenersi dall’utilizzo di sistemi di elusione del fisco, racconta il quotidiano Trouw.

Abellio ha costituito Disa Assets Limited, una società che finanzia i treni NS che operano con concessione tedesca.  I profitti sono tassati in Irlanda dove le imposte sulle imprese sono del 12,5% rispetto al 25% dei Paesi Bassi e del quasi 30% in Germania.

NS ha iniziato ad utilizzare l’Irlanda nel 1998 quando ha istituito NS Financial Services che da allora ha affittato treni ad NS nei Paesi Bassi attraverso l’Irlanda. Il ministro delle finanze  Jeroen Dijsselbloem ha detto in precedenza che la tesoreria olandese perde 8 milioni di euro per ogni 100 milioni di euro di profitto di NS a causa della costruzione fiscale.

L’unità irlandese di NS ha guadagnato un profitto di 1 miliardo di euro nel corso degli anni, tutti rimasti fuori dai Paesi Bassi. La costruzione è stata discussa dal parlamento nel 2012, spingendo Dijsselbloem un anno dopo a dire che la pratica era “indesiderata”.

Nel marzo 2015 NS ha accettato di porre fine alle operazioni in Irlanda, recependo il principio che la società di trasporti paghi tasse nei paesi in cui treni vengono utilizzati, ha detto un portavoce della compagnia a Trouw.