In cinque anni, il numero di italiani che si trasferiscono in Olanda è quasi raddoppiato. A scriverlo è il quotidiano Trouw che riporta stime del Central Bureau for Statistics (CBS), l’ISTAT olandese.

Nel 2016 5608 italiani si sono trasferiti in Olanda, nel 2011 erano stati 2768. “Per ogni italiano che se ne va, ne arrivano due nuovi”, ha detto al quotidiano di Amsterdam Tarek Chazli, dell’Ambasciata a L’Aia.

La popolazione olandese è in crescita costante e ciò è dovuto principalmente all’arrivo di immigrati. Tanti i belgi, i tedeschi, i francesi e cittadini dagli Stati del sud ma la crescita degli italiani è in assoluto la più rapida, spiega ancora il quotidiano.

Per l’inchiesta, il Trouw ha sentito Daniela Tasca, autrice di un libro sull’immigrazione italiana nei Paesi Bassi, “1001 Italians”. Secondo lei, l’intenso afflusso di italiani è dovuto alle conseguenze della crisi economica: chi prima aveva come meta preferita Londra e il Regno Unito, ora sceglie l’Olanda.

Secondo Chazli, gli italiani si integrano abbastanza bene, non lavorano in un settore specifico e non sono concentrati in una città o in una regione del paese ma distribuiti in maniera uniforme.