The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

MILIEU

Trouw: il VVD ha stralciato dal programma riferimenti al cambiamento climatico, grazie alla lobby “anti ambientalista”

"Il cambiamento climatico è un piccolo problema con costi eccessivi", ha detto Van Ulzen al congresso del partito



Gli “anti-ambientalisti” olandesi sono riusciti a condizionare il programma elettorale dei liberali del VVD. A sostenerlo è il quotidiano Trouw che ha pubblicato oggi, I marzo, un’inchiesta realizzata insieme al consorzio giornalistico Investico.

Secondo il quotidiano di Amsterdam, Gert-Jaap van Ulzen un esponente del VVD “clima scettico” e membro dell’associazione  Groene Kamer sarebbe riuscito a far stralciare dal programma elettorale ogni riferimento alle conseguenze del cambiamento climatico. La frase “innalzamento del livello del mare e forti piogge”. Il passaggio è stato rimosso l’anno scorso, il 19 novembre, durante la conferenza del VVD a Noordwijkerhout.

Di per sé una modifica testuale minore, ma un segnale rivelatore dice il Trouw: con questo passaggio è, di fatto, sparito dal programma del primo partito olandese qualunque riferimento agli effetti potenzialmente disastrosi dei cambiamenti climatici per i Paesi Bassi a causa delle emissioni di CO2.

“Il cambiamento climatico è un piccolo problema con costi eccessivi”, ha detto Van Ulzen al congresso del partito. La soppressione del riferimento ai cambiamenti climatici non ha, però, raccolto il plauso di tutti: Gijs Dröge della corrente ‘Liberaal Groen’, dice ancora il reportage, considera tale posizione una battaglia “battaglia di retroguardia” perché il VVD sarebbe, invece, un partito orientato all’ambiente. Secondo  Dröge, la vittoria di Trump avrebbe dato fiato ai “negazionisti” del climate change.

Secondo il responsabile ambiente del partito Remco Dijkstra, non lo stralcio non sarebbe una ragione sufficiente per considerare “anti ambientalista” il VVD: la mancanza di riferimenti al cambiamento climatico, infatti, vuole rappresentare le tante anime presenti nel suo partito anche se la visione della maggioranza è diversa.

Il Trouw racconta che gli “scettici del cambiamento climatico” non sono organizzati nei Paesi Bassi ma rappresentano una rete di “cani sciolti” che va da blogger a giornalisti e scienziati. Il solo partito ad ignorare, ufficialmente, l’ambiente è il PVV. L’arrivo di Donald Trump alla Casa Bianca ha ridato linfa a questo movimento anche se, dice ancora Trouw, a differenza degli USA non esistono prove che gli esponenti di questa corrente di pensiero vengano finanziati dalle compagnie petrolifere come è, al contrario, documentato nel caso del presidente degli Stati Uniti.

 



31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!