The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

Troppo traffico, la colpa? Il boom di taxi. Dal 2015 raddoppiato il numero di veicoli

È la crescita spropositata del numero di taxi nei Paesi Bassi a congestionare la circolazione nelle grandi città



È la crescita spropositata del numero di taxi nei Paesi Bassi a congestionare la circolazione nelle grandi città. Queste le parole del KNV, lobby dei tassisti olandesi, in un’intervista rilasciata al Telegraaf questo mercoledì.

“C’è un estremo bisogno di misure anti-traffico” ha detto Hubert Andela, segretario del KNV. I suoi commenti seguono la pubblicazione di un nuovo report dell’ufficio nazionale di statistica CBS, secondo cui il numero di taxi sarebbe raddoppiato dal 2015 a oggi.

Quattro nuove compagnie su cinque sarebbero in realtà riconducibili a lavoratori singoli che guidano per servizi online come Uber e Abel. La maggior parte di questi è concentrata ad Amsterdam.

Ad inizio ottobre si contavano 9.000 compagnie di taxi in Olanda, con un aumento del 50% di taxi negli ultimi due anni.  Oggi è più facile guidare un taxi come libero professionista, a seguito di una semplificazione normativa che ha abolito l’obbligo di licenza.

Taxi Centrale Amsterdam, una delle otto compagnie di taxi autorizzate nella capitale, lamenta di come il numero di taxi in città sia raddoppiato arrivando a 5.000 in soli cinque anni. “Ci sono soltanto 700 piazzole ad Amsterdam, e stanno diminuendo” ha dichiarato al Telegraaf il portavoce della TCA “le strade sono praticamente bloccate con tutti questi taxi che girano”.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!