Sebastiaan ter Burg, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

Hugo de Jonge, attuale ministro della salute, non è più leader dei cristianodemocratici CDA. In un messaggio sui social media, dice che come ministro della Salute, è troppo impegnato ad affrontare la crisi Covid e non potrà, quindi, guidare il partito alle prossime elezioni. Non è ancora chiaro chi guiderà la lista del CDA per le elezioni di marzo.

All’inizio di quest’anno, De Jonge è diventato leader dopo un’elezione interna per la carica di segretario. Il presidente del partito Ploumen sostiene che De Jonge qualcuno che ha un cuore incredibilmente caldo per la festa e ha portato molta nuova energia. “È comprensibile che anteponga l’interesse nazionale a quello del partito, ed è anche giusto. Mostra il suo senso del dovere”, dice Ploumen.

In realtà, la situazione all’interno del partito non è rosea: De Jonge ha provocato diversi malumori perché il CDA non sta andando bene nei sondaggi: “Ci stiamo dirigendo verso un burrone”, ha detto a NOS un dirigente del CDA.