Troppi precari, lavoratori e datori NL premono sul governo perché ci sia più “posto fisso”

I Paesi Bassi sono andati troppo oltre con i contratti flessibili. Questa non è solo l’opinione degli esperti, ma anche dei sindacati e persino dei datori di lavoro. La formazione di un nuovo governo deve essere affrettata, perché bisogna fare qualcosa adesso, dice NOS

“Siamo campioni del lavoro flessibile e questo non è qualcosa di cui essere orgogliosi”, ha affermato ieri stasera a Nieuwsuur il presidente di FNV Tuur Elzinga.

E a sorpresa, la pensano così anche i datori di lavoro: Jacco Vonhof, presidente di MKB-Nederland, parla delle persone con contratti a chiamata nei Paesi Bassi. “Lavoratori che devono essere disponibili a tutto, ma non hanno diritto a nulla. Non voglio vivere in un paese del genere”.

Secondo Vonhof, il governo dovrebbe agire come regolatore del mercato e le aziende dovrebbero rispettare quelle regole, in modo da creare condizioni di equità per evitare la corsa al ribasso.

Ma se datori di lavoro e sindacati vogliono la stessa cosa, perché si muove così poco? Hans Borstlap ha scritto un rapporto sul mercato del lavoro all’inizio dello scorso anno, a nome del governo, e crede che il nuovo esecutivo dovrà  agire rapidamente e seriamente ,dice NOS.

Già il precedente accordo di coalizione prevedeva una revisione del mercato del lavoro per ridurre la flessibilità e aumentare la frequenza dei contratti a tempo indeterminato, ma secondo Borstlap questo è solo ‘l’inizio’: non basta.

“Le persone che possono ottenere solo contratti flessibili vivono vite ancora più brevi”, afferma. “E non stiamo parlando di uno o due anni, ma di sei o sette”. E se i Paesi Bassi vogliono essere un paese altamente produttivo, anche questo non è un buon approccio, afferma Borstlap. “I lavoratori flessibili si preoccupano solo di: quale sarà il mio prossimo lavoro? E non di investire in se stessi. Stiamo diventando un paese a basso salario”.

SHARE

Altri articoli