The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Troonrede 2020, il discorso integrale di Willem Alexander

Author pic: RVD – Martijn BeekmanKoninklijk Huis

Sotto, la traduzione letterale del discorso del re Willem Alexander, al Parlamento olandese, in occasione dell’apertura dell’anno parlamentare.

Per facilità di comprensione, alcuni -brevi- passaggi sono stati riadattati. Il testo è rimasto fedele all’originale.

 

Membri degli Stati Generali,

Non dimenticherò mai la Giornata nazionale della memoria del 4 maggio 2020. Era surreale e allo stesso tempo molto realistica: quella piazza Dam quasi vuota, il silenzio ancora più assordante del solito e la consapevolezza che la celebrazione dei 75 anni di libertà aveva necessariamente acquisito un tono modesto. Il virus ha improvvisamente cambiato tutto questa primavera. Anche questo Prinsjesdag diverso dal solito a un metro e mezzo di distanza, non nella Ridderzaal, e con meno persone, senza tradizioni e gli esuberanti colori rosso, bianco e blu, lo rende tangibile.

La mia ammirazione e il mio ringraziamento vanno a tutti coloro che hanno fatto il possibile nel settore sanitario e altrove nella società per affrontare la crisi. Infermieri e addetti alle pulizie, boa e staff della difesa, impiegati dei supermercati e lavoratori sui mezzi pubblici. Voglio anche esprimere il mio sostegno e le mie condoglianze a coloro che sono stati colpiti dal corona o che devono affrontare la mancanza di una persona cara. Ma anche per coloro che non hanno avuto lutti, l’impatto è enorme. Il corona ci riguarda tutti. Da Terschelling ad Aruba. Giovani e meno giovani. Le persone con disabilità spesso vivono, il momento con più difficoltà. Il corona ci colpisce a scuola e al lavoro. Anche senza contatto. E soprattutto: ci colpisce nel nostro senso di sicurezza e fiducia. Perché non poter sostenere un esame finale, non poter partecipare ad un funerale se non in un circolo molto ristretto, non poter visitare tuo marito o tua moglie nella casa di cura, così come un imprenditore che perde improvvisamente il lavoro della sua vita, o tu che perdo il tuo lavoro – è tutto molto estremo. Per quei sentimenti di stress, solitudine e perdita ci deve essere spazio e riconoscimento. Presto lo esprimeremo in solidarietà in tutto il Regno con il titolo di “attenzione reciproca”.

Eppure in questi mesi stanno accadendo anche molte cose buone. Apprezziamo di più il Paese in cui viviamo. Il tessuto della nostra società si è dimostrato ancora una volta forte. E’ speciale come gli olandesi siano lì l’uno per l’altro quando se ne presenta la necessità. È speciale anche come in pochi mesi insieme siamo riusciti a rimuovere le maggiori restrizioni [misure corona n.d.r.]. E speciale è la resilienza degli imprenditori che gestivano le loro attività modo creativo, degli insegnanti che hanno insegnato ai loro studenti online e dei genitori che improvvisamente hanno combinato lavoro e istruzione a casa. Durante la crisi del corona, i Paesi Bassi hanno dimostrato di essere responsabili, uniti e flessibili. Continuiamo così per tutto il tempo necessario. E da questo traiamo fiducia per il futuro.

Perché soprattutto in periodi di shock improvvisi, è importante tenere d’occhio il lungo termine. Lo dobbiamo ai giovani, che negli ultimi mesi hanno dovuto sacrificare non solo la loro vita attuale ma anche le loro prospettive future. Un veterano di 94 anni ha fatto molto rumore con una lettera in cui invitava i giovani dei Paesi Bassi a perseverare e mostrare solidarietà verso la sua generazione. Uno studente di 18 anni gli ha risposto quanto fosse grato per la libertà e tutte le opportunità con cui lui e i suoi coetanei sono cresciuti. Ma ha anche scritto quanto gli manca quella libertà adesso, come vedono passare i momenti chiave della vita proprio così e quanto il futuro si senta estremamente incerto a causa della crisi del corona. C’è questa incertezza nei settori dell’istruzione, della casa e del lavoro. Allo stesso tempo, c’è preoccupazione per problemi generali come il cambiamento climatico, che non sono meno urgenti a causa del Covid. Questa lettera va al cuore di Prinsjesdag, perché la prospettiva per il futuro inizia sempre nel qui e ora. Gli adulti di domani sostengono agli adulti di oggi.

In questa consapevolezza, il governo sta scegliendo di non effettuare tagli in questi tempi incerti, ma piuttosto di investire nel mantenimento dei posti di lavoro, in buone strutture pubbliche e in una struttura economica più forte e un paese più solido ora e in futuro. I piani del governo per il prossimo anno si basano su questi pilastri.

L’economia e le finanze pubbliche olandesi sono resilienti. Negli ultimi anni è stato creato un cuscinetto finanziario di cui stiamo ora raccogliendo i frutti. Questo salvadanaio pubblico non rende meno gravi gli effetti sulla salute del virus ma rende più sopportabili le prime conseguenze economiche dirette.

Ora dobbiamo prepararci alle conseguenze di una grave recessione economica, che a lungo termine colpirà anche l’economia e le finanze pubbliche. Come, dipende esattamente dalla risposta alla domanda: fino a quando e in che misura il virus corona continuerà a tenerci nella sua morsa. Tutte le cifre e le stime recenti non hanno precedenti in tempo di pace. Con una contrazione storica di oltre il 5 per cento nel 2020. Con una storica inversione di tendenza da un avanzo del bilancio nazionale a un deficit del 7 per cento in un anno. E con la disoccupazione che raddoppia in un anno. I nostri principali partner commerciali in Europa e nel mondo stanno affrontando una recessione economica che spesso è anche peggiore. Per un paese aperto come i Paesi Bassi che si concentra sul commercio e l’esportazione questa è una complicazione in più, soprattutto dopo la Brexit.

Le conseguenze internazionali della crisi Covid non possono essere sottovalutate, né economicamente né geopoliticamente. Sembrano tracciati solchi più profondi tra i blocchi di potenze più grandi del mondo. Nell’anno dei 75 anni delle Nazioni Unite, purtroppo, l’interesse personale nazionale domina sempre più e l’ordine mondiale multilaterale è sottoposto a ulteriori pressioni. Per il governo olandese è fuori discussione che istituzioni internazionali ben funzionanti e cooperazione internazionale siano necessarie per affrontare problemi che nessun paese o regione può affrontare da solo. Questo vale per le questioni della pace e della sicurezza, per la crisi climatica e il futuro del nostro approvvigionamento energetico, per la riduzione della povertà e ora anche per la lotta contro il corona virus.

Il nostro Paese se ne assume la responsabilità. Questo sia un obbligo morale che un interesse personale. I Paesi Bassi continuano a sostenere le regioni più vulnerabili del mondo, che sono state gravemente colpite dal corona. Inoltre, il governo continua a lavorare per rafforzare il dispiegamento operativo dei soldati olandesi. Chiaramente, dopo la crisi, il mondo deve prepararsi alla possibilità di un’altra pandemia o di altri shock esterni. Il corona ci insegna che siamo più forti insieme a livello internazionale in una crisi come questa.

In un contesto europeo, la crescente incertezza geopolitica e la crisi del corona non faranno che aumentare l’importanza della cooperazione e dell’azione concertata all’esterno. L’integrazione nell’Unione europea e nel mercato interno costituisce la base della prosperità, della certezza del diritto e della sicurezza dei Paesi Bassi. È vero che la cooperazione europea è spesso accompagnata da accese discussioni, che a volte esacerbano le differenze tra i Paesi. Eppure le somiglianze e gli interessi condivisi mettono sempre insieme gli Stati membri. Ad esempio, i Paesi Bassi stanno lavorando a stretto contatto con altri paesi europei per accelerare lo sviluppo e la disponibilità di un vaccino. Con il Fondo europeo di ripresa, gli Stati membri possono assorbire meglio le conseguenze della crisi  a breve termine e lavorare su riforme economiche strutturali a lungo termine. È una forma di solidarietà che funziona in entrambe le direzioni: dai vicini che si aiutano naturalmente a vicenda nei momenti di bisogno, ma che fanno anche passi e riforme nel proprio paese per essere meglio preparati alla prossima crisi.

Nel nostro Paese una spesa pubblica aggiuntiva potrebbe attutire le prime conseguenze della crisi per le imprese e l’occupazione. In breve termine, un pacchetto di misure di sostegno è stato implementato due volte per continuare a pagare i salari e per prevenire il più possibile fallimenti e licenziamenti su larga scala. Il terzo pacchetto, disponibile dal 1 ottobre, durerà nove mesi. Mantenere il maggior numero di posti di lavoro possibile rimane l’obiettivo. Ma dopo la fase di sostegno all’emergenza, è anche importante che attraverso l’istruzione e la formazione le persone possano passare a settori in cui c’è carenza di personale e che le aziende possano adattarsi alla nuova realtà. Con un pacchetto aggiuntivo di quasi mezzo miliardo di euro per l’arte e la cultura, il governo sottolinea la grande importanza sociale di questo settore. Il sostegno al trasporto pubblico continua poiché molte persone dipendono da autobus, treno, tram e metropolitana per le loro attività quotidiane. Quasi 800 milioni di euro extra saranno messi a disposizione dei comuni, ad esempio per luoghi sociali, lavoratori tutelati, istituzioni culturali e per l’organizzazione di elezioni a prova di Covid. Ad esempio, le autorità locali e il governo centrale lavorano insieme come un unico governo in questa crisi.

Sono in corso discussioni con le parti caraibiche del Regno gravemente colpite su quale sostegno può essere fornito e a quali condizioni. L’obiettivo è sostenere la popolazione adesso e contribuire alla futura sicurezza economica e stabilità sociale. Il sostegno umanitario è sempre disponibile.

All’inizio di questo periodo, il governo ha deciso di rafforzare le strutture pubbliche. L’importanza di questo è aumentata piuttosto che diminuita a causa del corona. Investire in sicurezza, mezzi di sussistenza e un ambiente di vita buono contribuisce alla lotta contro la crisi, alla resilienza dell’economia e alla fiducia nel futuro. Questo è visibile in vari punti nei piani del governo.

Da nessuna parte la responsabilità per il futuro dei nostri bambini e dei nostri giovani è sentita e realizzata più  che in classe e nelle aule. L’istruzione ha ricevuto fondi extra per poter intraprendere i prossimi passi nell’affrontare la carenza di insegnanti nelle principali città. Dopo una primavera eccezionale con classi vuote, sono disponibili anche 500 milioni di euro per compensare gli svantaggi educativi. Ciò consente, ad esempio, un tutoraggio extra.

Con un importo di 5 miliardi di euro, il governo vuole affrontare i problemi delle emissioni di monossido di azoto nei prossimi anni. Il denaro ora disponibile può essere utilizzato, tra le altre cose, per ripristinare l’ambiente e modificare le fattorie. È necessario per un futuro sano e innovativo per il settore agricolo olandese, che garantisca  un approvvigionamento alimentare affidabile in tempi di crisi. Ed è necessario consentire sviluppi spaziali nella sfera degli alloggi e delle infrastrutture.

In totale, vengono stanziati quasi 2 miliardi di euro di investimenti pianificati per infrastrutture, alloggi e manutenzione e sostenibilità degli edifici governativi. Una buona mobilità sostiene l’economia. L’edilizia e il mercato immobiliare ricevono sostegno attuando prima i progetti di costruzione.

La domanda di alloggi rimane alta. La costruzione di alloggi sarà accelerata sotto la direzione del governo. Chi acquista la prima casa non dovrà pagare la tassa di trasferimento per i prossimi cinque anni. Il governo propone di abbassare l’affitto per le persone a basso reddito, inquilini presso cooperative sociali.

Lo Stato di diritto è il bene pubblico più importante della società. È la base per un paese democratico socialmente ed economicamente forte e in cui l’equità è la norma. Un anno fa, i Paesi Bassi sono rimasti scioccati dal brutale omicidio dell’avvocato Derk Wiersum. Quel giorno è diventato di nuovo chiaro quanto la criminalità organizzata metta a repentaglio la società. Il prossimo anno saranno di nuovo disponibili soldi extra per questa lotta incessante, anche per un nuovo team specializzato in cui si riuniscono le conoscenze e la forza della magistratura, delle autorità fiscali e della difesa.

Una minaccia significativa alla qualità dello Stato di diritto è che nel nostro paese il colore della pelle o il nome di una persona siano ancora troppo spesso determinanti per le opportunità nella società. Questo è inaccettabile. Il dibattito sociale su questo aspetto a volte è irritante, ma può anche portarci oltre nella lotta contro la discriminazione, il razzismo e la disparità di trattamento. Colmare le differenze esistenti inizia con la volontà di ascoltarsi a vicenda.

Il governo si rende conto di quanto cruciale nello spazio pubblico sia la fiducia nelle azioni del governo stesso. Il governo dovrebbe stare accanto alle persone, non contro le persone. Ecco perché è così importante che i residenti di Groningen colpiti dai terremoti possano contare sul risarcimento per i danni subiti e sul rafforzamento delle loro case il prima possibile, e il governo si impegni a risarcire rapidamente i genitori colpiti nella vicenda dei susssidi . Rimane necessario investire nella qualità dei servizi pubblici.

Sul lungo periodo, le scelte guida sono state fatte durante questo periodo nel Contratto di pensione e nel Contratto sul clima. Se da qualche parte può prende forma produttivamente la necessaria solidarietà tra giovani e anziani è certamente in questi ambiti. L’elaborazione e l’implementazione di entrambi gli accordi richiede pazienza. La pensione sarà più personale e più trasparente. Con la riforma ora, presto ci sarà una buona pensione per tutti. Il governo spera di presentare il disegno di legge per il rinnovo del sistema pensionistico nel 2021.

La prospettiva dell’Accordo sul clima e della Legge sul clima è quella di ridurre le emissioni di monossido di carbonio di almeno il 49% entro il 2030, sulla strada per un’Olanda a impatto zero sul clima entro il 2050. Il primo documento sulla politica sul clima sarà pubblicato, al più  tardi questo autunno. Per il prossimo anno sono previste varie misure, come una tassa sulle emissioni per l’industria, una quota minore di centrali elettriche a carbone nella produzione di elettricità e misure per stimolare l’economia circolare, in cui i rifiuti tornano a essere una materia prima.

Inoltre, il governo vuole partire alla grande con il Fondo di crescita nazionale. Questo fondo esiste per la futura capacità di guadagno del nostro Paese e quindi per la prosperità di domani. Il governo vuole utilizzare il fondo per investire nello sviluppo della conoscenza, nell’innovazione e nelle infrastrutture. Quest’ultima comprende, oltre a strade e ferrovie, anche l’autostrada digitale e le infrastrutture energetiche. La portata e la durata uniche del fondo consentono di trasferire i Paesi Bassi in modo più prospero, più pulito e più sostenibile ai giovani di oggi. Un importo di 20 miliardi di euro sarà disponibile per i prossimi cinque anni.

Infine, il corona virus ha reso ancora più chiaro quanto sia importante garantire che le migliori cure rimangano disponibili per le generazioni future. Molti studi internazionali mostrano che l’assistenza sanitaria olandese è di livello mondiale. Ma ciò non cambia il fatto che c’è un limite alla forza delle istituzioni sanitarie e delle persone che vi lavorano. A breve termine, dobbiamo imparare per essere preparati per una possibile seconda ondata. A lungo termine, emergono altre lezioni, come quelle relative all’organizzazione dell’assistenza e al carico di lavoro del personale sanitario, la questione se sia necessaria innovazione nella prevenzione e nella cura. Il governo sta avanzando proposte per trattenere quante più persone possibile nel settore lavorativo dell’assistenza sanitaria e per invogliare ancora più persone a scegliere questo settore, ad esempio con più opportunità di carriera, meno amministrazione e più voce in capitolo dei lavoratori. L’apprezzamento per gli operatori sanitari si esprime anche con un bonus extra per gli sforzi extra, quest’anno e l’anno prossimo.

Membri degli Stati Generali,

La crisi del corona ci sta mettendo alla prova in tutto ciò che abbiamo di valore: salute, lavoro, famiglia e amicizie. E ci rendiamo conto: in questo momento, sono necessarie unità e responsabilità. Ogni generazione, oggi, ha preoccupazioni e domande specifiche. Ma è proprio nel collegamento tra generazioni che tutti, giovani e anziani, possono dare un contributo per superare questo difficile periodo. La nostra garanzia più importante è che i Paesi Bassi continuano a mostrare resilienza dal punto di vista economico, sociale e mentale. Il compito nell’anno parlamentare che inizia oggi è quello di continuare a vedere il futuro oltre questa crisi e di continuare a lavorare su una prospettiva per tutte le generazioni.

Sentiti sostenuto nello svolgimento del tuo ruolo, sapendo che in molti credono nella tua saggezza e sono uniti a me nel pregare perchè tu abbia forza e la benedizione di Dio per te.

 

A questo link, il discorso integrale (in olandese)