+31mag Channels

The Netherlands, an outsider's view.

CULTURE

Tra modelle e copertine di Vogue, le foto a colori di Blumenfeld



di Martina Bertola

Fino al 14 aprile sarà possibile visitare al Foam di Amsterdam l’esposizione fotografica: “Erwin Blumenfeld in Color, his New York years

Olandese di adozione, Erwin Blumenfeld è stato uno dei più importanti fotografi del secolo scorso.

Nato in Germania a fine ‘800, si trasferisce in Olanda dopo il matrimonio con Lena Citroen. Lì apre una pelletteria ad Amsterdam e pian piano, nel retro della bottega, allestisce una camera oscura dove continua la sua sperimentazione fotografica, iniziata già qualche anno prima. In poco tempo il negozio finisce in secondo piano e Blumenfeld inizia a farsi un nome come fotografo.

Predilige principalmente soggetti umani. Produce molti ritratti, lontani, però, da uno stile classico. Sperimenta nella messa in scena e nello sviluppo, sovrappone stili e modelli. Disegna sulle foto e utilizza collage. Fin da subito è chiaro come la sua fotografia sia mirata non alla “registrazione” dell’immagine, quanto piuttosto alla continua ricerca dell’autenticità artistica del soggetto.

Passa un periodo a Parigi, dove viene influenzato dal surrealismo di Man Ray. Lì il suo rapporto con l’arte, vicino al dadaismo, si fa sempre più intenso.

Questa sorta di purezza artistica sarà sempre il punto di forza del suo lavoro, anche quando si troverà a fare i conti con un sistema più commerciale come quello della moda. Del resto lui stesso si definiva come un trafficante di arte, che cerca di infiltrare nel mondo patinato delle riviste la sua visione artistica.

Trasferitosi negli Stati Uniti a causa della guerra, nel 1943 allestisce il suo primo studio new yorkese. In poco tempo diventa uno dei fotografi principali delle riviste di moda americane, prima tra tutte Vogue.

Le foto esposte al Foam si focalizzano proprio su questo aspetto della sua produzione, coprendo un arco storico che va dal 1940 al 1960.

Foto di moda a colori in cui viene mostrata non solo la grande capacità di Blumenfeld di realizzare ritratti destinati alle migliori riviste del settore, ma soprattutto quanto il suo sia un approccio innovativo e al limite del visionario.

In un periodo in cui il digitale era ancora molto lontano, sperimentare con la fotografia era un lavoro artigianale che pochi riuscivano a padroneggiare. Blumenfeld crea collage, sovrapposizioni, silhouette, copie, gioca con colori vividissimi e il tutto con una sensibilità senza tempo.

Blumenfeld controlla tutto della sua arte, la composizione, la luce e il make-up, non si fa influenzare dagli art-director delle riviste e, nonostante il taglio commerciale della sua produzione, rimane fondamentale la sua impronta creativa.

Un’esposizione stimolante e ben allestita, in grado di guidare il visitatore in questo mondo colorato composto da modelle ammiccanti, pagine di riviste e fotografie straordinarie.



31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!