Il Roadburn si è fatto un nome presentando gli artisti e i musicisti più lungimiranti sulla scena dark e heavy. Secondo Alice Pattillo, l’edizione dell’anno prossimo sarà curata da Emma Ruth Rundle, precursore del death gospel, e James Kent, artista di synth scuro.

Emma Ruth Rundle ha suonato al festival nel 2017. La cantante, oltre a portare al festival gli artisti che l’hanno modellata come musicista, sceglierà  le migliori band emergenti.

“Come co-curatore spero di onorare l’eredità del Roadburn e della nostra comunità, portando al festival artisti – sia nuovi che affermati – che stanno creando opere importanti” spiega Rundle. “Ogni artista verrà al festival per la sua capacità di suscitare una reazione viscerale ed emotiva nel mio cuore, e speriamo anche nel vostro.”

https://www.youtube.com/watch?v=dMgZV1sWOIY

Emma condividerà il ruolo con l’artista elettronico Perturbator, alias James Kent. A cavallo tra il metal e il synth scuro, anche questo artista ha già suonato al festival nel 2017.

“Roadburn, per me, è sempre stato il festival più interessante quando si tratta di metal e musica alternativa in generale”, commenta Kent. “Ecco perché è davvero un immenso onore essere il prossimo curatore di Roadburn. Intendo invitare artisti che affascineranno”.

Kent, oltre a curare, si unirà anche a Johannes Persson dei Cult of Luna per un’incredibile performance.

Il festival si svolgerà dal 16 al 19 aprile.