L’autorità olandese per la protezione dei dati  DPA ha aperto un’inchiesta nei confronti di TikTok: non rispetta la privacy dei minori. Monique Verdier, vicepresidentessa del DPA olandese, ha dichiarato: “Analizzeremo la trasparenza dell’app in materia di raccolta dati, in particolare nella fascia minori. Vogliamo assicurarci che la registrazione di dati preveda il consenso dei genitori.”

L’indagine portata avanti dalla DPA riguarda la privacy dei minori su TikTok. Nel febbraio 2019, l’app ha pagato un record di $5,7 milioni alla Federal Trade Commission degli Stati Uniti per aver violato la legge sulla protezione della privacy online dei bambini, nota come COPPA.

A dicembre, la società partner di TikTok, ByteDance, ha raggiunto un accordo con un gruppo che ha denunciato la violazione della legge COPPA. Avevano raccolto dati dei propri figli, di età inferiore ai 13 anni, senza il consenso dei genitori.

TikTok ha successivamente annunciato che avrebbe vietato la messaggistica diretta per i minori di 16 anni, prima che le misure entrassero in vigore alla fine di aprile.

In una dichiarazione all’agenzia di stampa Reuters, TikTok ha affermato di voler collaborare con le autorità olandesi: “la massima priorità di TikTok è proteggere la privacy e la sicurezza dei nostri utenti, in particolare i nostri utenti più giovani.” Il DPA olandese prevede di pubblicare i risultati iniziali dell’indagine entro la fine dell’anno.