Tiel, polemiche sul pub dove “si parla solo olandese”. Il proprietario fa marcia indietro

Source pic: Cafè De Tijd Fb page

No, il proprietario del De Tijd a Tiel non avrebbe immaginato tutta la pubblicità negativa che l’idea di vietare altre lingue oltre l’olandese, nella comunicazione all’interno del suo bar, avrebbe potuto causare.

E cosi, sommerso dalle polemiche e dall’attenzione mediatica -scrive NOS- il proprietario ha rimosso il cartello scusandosi per l’incidente.

La sua idea non era quella di discriminare ma solo di trovare una soluzione ai frequenti diverbi tra clienti.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli