Il GGD vuole continuare a testare per tenere sotto controllo il virus, ma puramente testare per il “tempo libero”, il GGD non lo vede come suo compito.

Questo è il motivo per cui il Ministero della Salute sta lavorando a un centinaio di nuovi centri-test, ha detto oggi un portavoce. Non è ancora chiaro dove saranno esattamente quei luoghi: le persone potranno recarsi lì per farsi testare prima di andare, ad esempio, a cinema, concerti e allo stadio, dice NOS.

Se vuoi andare a un evento, come un festival, potresti presto essere obbligato a mostrare un segno di spunta verde in una nuova app, l’app CoronaCheck. Questo fine settimana sarà già testato ai festival Back to Life a Biddinghuizen.

Per ottenere un segno di spunta verde, qualcuno deve essere testato in uno dei drive-in test di Stichting Open Nederland, ossia una collaborazione di aziende olandesi che effettueranno i tamponi.

Questo test costa pochi euro ed è quindi molto più economico dei test PCR utilizzati nei centri GGD: “Ma come per gli attuali drive-in, per il momento non devi pagare tu “, sottolinea il ministero. “Può darsi che in una fase successiva venga aggiunto un supplemento di qualche euro al biglietto d’ingresso”, ha detto un portavoce.

Presto sarà possibile registrarsi con l’app e senza DigiD ma una verifica dell’identità verrà comunque effettuata.

Durante il test la persona riceverà un codice, che potrà essere inserire nell’app CoronaCheck; il codice genera un codice QR che i dipendenti, ad esempio, del cinema possono scansionare all’ingresso: se l’app mostra un segno di spunta verde, sei ufficialmente negativo.

Per prevenire frodi con l’app, i dipendenti controllano anche qui se le iniziali e la data di nascita corrispondono a quelle sul documento d’identità, spiega NOS.

Dopo 48 ore il risultato scompare ed è necessario un nuovo test per rientrare, ad esempio, in uno stadio o in una sala da concerto. Nella conferenza stampa di lunedì, il ministro uscente De Jonge ha indicato che una legge deve ancora regolamentare l’eventuale obbligo di mostrare un certificato negativo per accedere a determinati luoghi.