E’ stato trovato un tesoro di monete, risalente all’ultimo periodo dell’Impero Romano, in un frutteto nel Gelderland.Gli esperti ritengono che la fortuna fosse stata sepolta da un leader militare franco nella seconda metà del V secolo, quando l’area faceva parte dell’impero romano occidentale, che crollò nel 476 d.C.


Alcuni dei 41 pezzi d’oro scoperti a Lienden, vicino a Veenendaal, ritraggono l’immagine di Majorian, uno degli ultimi governatori locali dell’impero, che regnò per quattro anni dal 457. “Su tale base riteniamo che questo tesoro sia stato sepolto intorno al 460“, afferma Nico Roymans, professore di archeologia alla Vrije Universiteit di Amsterdam.

Il ritrovamento è stato esposto per la prima volta Venerdì mattina presso il Museo Valkhof di Nijmegen, che li ha acquistati con un prestito a lungo termine.


Roymans ha detto che i soldi probabilmente erano destinati per trovare alleati contro le tribù germaniche locali, come i Visigoti.
Ha aggiunto che nel luogo in cui sono state trovate le monete c’era un tumulo, cosa che suggerisce che il proprietario avesse intenzione di tornare e raccoglierle. «Il tumulo sarebbe stato facile da trovare nell’era tardo-romana e forse era per questo che nascondeva il tesoro», ha detto Roymans.

“Abbiamo sempre più testimonianze che i Romani reclutassero soldati e cercavano aiuto qui”, ha detto Stephan Mols, docente di archeologia presso l’Università Radboud di Nijmegen.