Questa mattina, i primi ultraottantenni olandesi riceveranno un vaccino di richiamo contro il corona: la terza dose dovrebbe mantenere il livello di protezione fornito dalle prime vaccinazioni. Il governo ha deciso di anticipare la campagna per la terza dose, dopo che era stata inizialmente programmata per dicembre, dice NOS.

Tutti gli over 60 hanno ricevuto un invito al richiamo con BioNTech/Pfizer o Moderna, anche se avevano precedentemente ricevuto un vaccino diverso. Questo vale anche per gli over 18 con un problemi di salute e per gli operatori sanitari. Ieri, il Consiglio sanitario ha anche raccomandato che agli adulti con sindrome di Down venga somministrata una dose di richiamo.

I primi sono gli anziani: gli over 80. Anche il personale sanitario negli ospedali riceve vaccini. Solo più tardi seguono gli ‘anziani più giovani’, gli over 60.

Le persone con più di 70 anni hanno l’89% in meno di probabilità di finire in ospedale dopo una vaccinazione completa. In confronto: per gli under 70, questo è il 96%.

Questa minore efficacia del vaccino tra gli anziani si riflette anche nei dati ospedalieri: a ottobre, il 44% delle persone ricoverate in ospedale era stato completamente vaccinato, la maggior parte di loro aveva più di 70 anni. “Ora vediamo che sempre più anziani vaccinati vengono ricoverati in ospedale e per questo potrebbe essere utile un’iniezione in più per prevenire i ricoveri”, afferma Marjolein van Egmond, professore di immunologia all’UMC di Amsterdam a NOS.

Somministrare la terza dose ora, con tassi di contagio alti, sembra essere la soluzione migliore perché: “c’è molta circolazione del virus e sai che puoi proteggere più persone se puoi dare loro un po’ più di immunità”.

Benché sia ancora difficile prevedere quanto aumenterà la protezione dopo un’iniezione di richiamo, una dose in più potrebbe ridurre significativamente il numero di ricoveri ospedalieri.

Tuttavia, un contro-argomento si sofferma sulla questione: il problema per la sanità NL non sono i vaccinati. “Il problema più grande rimangono le persone che non sono state vaccinate”, afferma Van Egmond. La maggior parte dei ricoverati negli ospedali non è stata ancora vaccinata, secondo i dati RIVM, anche se il gruppo di persone non vaccinate è molto più piccolo del gruppo che è stato vaccinato.

Inoltre, rimane il problema del tasso di vaccinazione nel resto del mondo: finché rimarrà basso, il virus continuerà a mutare. Non è quindi più logico spingere con la vaccinazione in paesi dove la percentuale è ancora molto bassa, dice NOS. Secondo l’opinione scientifica del Consiglio di Sanità, le persone di età inferiore ai 60 anni non hanno bisogno di una vaccinazione di richiamo; i vaccini proteggono ancora sufficientemente questi gruppi.