Hicham Chaib, terrorista dello Stato Islamico ed ex capo del gruppo radicale islamico Sharia4Belgium, è stato condannato all’ergastolo in contumacia ed è stato privato della nazionalità belga. Dopo un’ora di deliberazione della Corte d’assise di Anversa è stato condannato all’ergastolo per un omicidio terroristico in Siria ed è stata anche condannato a 15 anni di carcere, dice VRT.

Il tribunale non ha lasciato vie d’uscita: “Chaib rifiuta i nostri valori fondamentali ed è sempre stato un sostenitore del salafismo jihadista”, per la corte rappresenta un pericolo e la punizione inflittagli deve essere forte ha concluso il tribunale.

Ma la sentenza potrebbe essere solo simbolica: l’uomo, infatti, è scomparso da tempo e non si esclude possa essere morto in Siria.

In precedenza, Chaib, che aveva già commesso reato in Belgio, è stato condannato a un anno di carcere per razzismo e xenofobia nel 2013, e nel 2015 è stato condannato a 15 anni di carcere nel corso del maxi processo per Sharia4Belgium.